Rimini, inaugurato il nuovo serbatoio idrico sulla collina di Covignano

Rimini, inaugurato il nuovo serbatoio idrico sulla collina di Covignano

Rimini, inaugurato il nuovo serbatoio idrico sulla collina di Covignano

E' stato inaugurato sabato mattina, sulla collina di Covignano, il nuovo serbatoio idrico voluto dal Comune di Rimini, realizzato da Romagna Acque-Società delle Fonti S.p.A. e gestito da Hera: una grande infrastruttura acquedottistica che fornisce un importante contributo in termini di affidabilità al sistema idropotabile riminese, consentendo un utilizzo più razionale delle risorse idriche. Il nuovo serbatoio è stato affiancato a quello già esistente realizzato negli anni '70, per un investimento di 5 milioni di euro.

 

LE FOTO DELL'INAUGURAZIONE (di Cristiano Frasca)

 

La cerimonia è stata presenziata da: Ariana Bocchini Presidente Romagna Acque Società delle Fonti S.p.A.; Roberto Barilli Direttore Generale Operations Hera S.p.A. Maurizio Melucci Assessore al turismo - Regione Emilia Romagna, Stefano Vitali Presidente della Provincia di Rimini, Juri Magrini Assessore alla Mobilità, Lavori Pubblici e Qualità Urbana del Comune di Rimini,  Mons. Francesco Lambiasi Vescovo di Rimini

 

Il nuovo serbatoio si affianca a quello esistente sul colle di Covignano realizzato negli anni ‘70 che si trova a pochi metri di distanza, adeguando il volume complessivo alle attuali esigenze della città. Le due infrastrutture costituiscono di fatto un unico grande serbatoio modulare, il cui livello è costantemente  monitorato attraverso un sistema di telecontrollo.

 

"Un'infrastruttura tecnologicamente avanzata - si legge in una nota di Hera - ma anche rispettosa dell'ambiente: infatti, per rispettare il pregio paesaggistico dell'area, la costruzione è stata completamente interrata, ad eccezione del piccolo manufatto di accesso. I lavori, iniziati nel 2008, si sono conclusi nella scorsa primavera con un investimento complessivo di circa 5 milioni di euro".

 

"I serbatoi di compenso sono elementi estremamente importanti di un sistema acquedottistico. Qualsiasi città utilizza acqua potabile con una richiesta variabile nel corso della giornata. Per una città turistica come Rimini questo è ancora più evidente, soprattutto durante la stagione estiva quando si arriva ad un consumo di circa 80.000 metri cubi di acqua potabile al giorno, contro una richiesta media invernale di circa 32.000 metri cubi.  Le fonti da cui si preleva l'acqua hanno un funzionamento ottimale se utilizzate a portata costante. Ad armonizzare le esigenze della domanda e le potenzialità della risorsa intervengono i serbatoi di compenso, che invasano l'acqua che la città non consuma nelle ore notturne e la restituiscono nella rete di distribuzione nei momenti di forte richiesta".

 

Di particolare rilievo inoltre il "Premio Ambiente 2010", istituito dalla Camera di Commercio di Ravenna e quest'anno per la prima volta abbinato alla manifestazione Ravenna2010. Presentato dal conduttore televisivo Patrizio Roversi, il Premio ha costituito l'occasione per una tavola rotonda dal titolo "Salvaguardia dell'ambiente e sviluppo economico: la sfida della sostenibilità", alla quale hanno partecipato tra gli altri il Sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci, il Presidente della Camera di Commercio di Ravenna Gianfranco Bessi e il Presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -