Rimini, la fiera del turismo TTG Incontri apre i battenti

Rimini, la fiera del turismo TTG Incontri apre i battenti

Rimini, la fiera del turismo TTG Incontri apre i battenti

RIMINI - A una settimana esatta dalla Conferenza Nazionale del Turismo, le aziende del comparto si sono date appuntamento alla Fiera di Rimini per la 47° edizione di TTG Incontri - principale fiera internazionale del turismo b2b in Italia - per la 10° edizione di TTI - il Workshop per la vendita del Prodotto Italia presenziato da 600 buyer, tour operator provenienti da tutto il mondo - e per la terza edizione dell'area tematica Bus&Turismo.

 

Ancora una volta, l'evento fieristico organizzato da TTG Italia - società del Gruppo Rimini Fiera - si conferma come la principale piazza affari del turismo in Italia, un marketplace estremamente operativo dove vengono presentate le nuove strategie di sviluppo delle aziende, i progetti appena messi in campo, le tendenze della domanda nazionale e internazionale, le soluzioni innovative per implementare il business.

 

Tutto questo attraverso gli incontri agli stand fra operatori specializzati - quest'anno 2400 aziende espositrici su 65 mila mq di esposizione - ma anche grazie al ricco cartellone di Forum per un totale di 26 ore di dibattiti in cui verranno discussi i temi caldi del momento e al fitto programma di Laboratori di aggiornamento, TTG LAB: 50 titoli, per un totale di 86 ore di aula, gestiti da alcuni fra i principali esperti italiani in legislazione turistica, marketing, e-commerce, gestione delle risorse umane, new media.

 

A tagliare il nastro dell'evento l'Assessore al Turismo della Regione Emilia-Romagna Maurizio Melucci che ha voluto rimarcare come "TTG Incontri e TTI sono manifestazioni molto importanti per tutto il comparto grazie anche a una quota di internazionalità strategica per gli operatori del settore. Il turismo sta timidamente cominciando a emergere come un settore non marginale per il nostro paese ma occorre ancora fare molto. Il 2010 si sta ormai consolidando all'ombra della crisi internazionale da cui non siamo ancora usciti e se non ci sarà presto una ripresa dei consumi a pagarne il prezzo saranno inevitabilmente le imprese turistiche".

 

"Le risorse al turismo sono inadeguate e per risolvere i problemi del settore basterebbero i 100 milioni di euro degli ultimi incentivi governativi. Una carenza di attenzione testimoniata dai 9 milioni di euro tagliati all'Enit, commissariato da troppo tempo e ancora senza un orientamento operativo preciso quando invece il suo compito dovrebbe essere quello di fare in modo che l'Italia faccia sistema sui mercati esteri perché, nonostante l'aumento della domanda internazionale di turismo, l'Italia sta perdendo quote di mercato e la sfida si vincerà solo con i turisti stranieri. Le Regioni saranno a fianco del Ministero per il nuovo Piano Strategico del Turismo ma occorre agire concretamente in sinergia con Province e Comuni".

 

A TTG Incontri - TTI anche il board Uftaa, la federazione internazionale delle agenzie di viaggio, con 80 presidenti delle federazioni nazionali in rappresentanza di oltre 70.000 punti vendita nel mondo riuniti a Rimini per l'assemblea straordinaria chiamata a fare il punto su presente e futuro dell'intermediazione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -