Rimini, la giunta riconferma in Consiglio: "Solidarietà ai bagni sequestrati"

Rimini, la giunta riconferma in Consiglio: "Solidarietà ai bagni sequestrati"

Rimini, la giunta riconferma in Consiglio: "Solidarietà ai bagni sequestrati"

RIMINI - Il sequestro dei due bagni a Rimini voluto dalla magistratura la settimana scorsa "non richiama violazioni di ordine edilizio o ambientale ma il rispetto delle norme demaniali". Lo ha chiarito in Consiglio comunale il vicesindaco riminese, Antonio Gamberini. Rispondendo ad un'interrogazione del consigliere Massimo Allegrini (Pd), Gamberini ha confermato la posizione della Giunta, che si e' spesa nei giorni scorsi a difesa dei bagnini incassando le critiche di Idv e Rifondazione.

 

"Il sequestro preventivo interessa le aree pavimentate. Non entriamo nel merito, il nostro intervento era giustificato dal fatto che l'iniziativa della magistratura non e' usuale per la nostra riviera, a  maggior ragione in piena estate".   Il vicesindaco ha detto che l'amministrazione non possiede la"cronologia dei fatti" chiesta da Allegrini sui sigilli ai bagni e ha ribadito che la normativa in questione sul demanio, tra passaggi di competenze tra enti e federalismo demaniale in arrivo, rimane "totalmente in transizione". (Dire)

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -