Rimini, la storia di Flavio: perde un braccio sul lavoro e ora fa il meccanico

Rimini, la storia di Flavio: perde un braccio sul lavoro e ora fa il meccanico

Rimini, la storia di Flavio: perde un braccio sul lavoro e ora fa il meccanico

RIMINI - "Per fare il mio lavoro a volte servirebbero tre mani. Ma ho imparato comunque ad arrangiarmi". A Flavio Guerra, 43enne meccanico di Montescudo di Rimini, di certo non manca l'autoironia: fondamentale per raccontare la sua vita dopo l'incidente che nel 1991 gli ha portato via il braccio destro. La sua e' una di quelle storie che fanno capire l'importanza del lavoro, o meglio del lavoro fatto per passione, del lavoro ben fatto.

 

Anche mentre si racconta, si percepisce distintamente una certa ansia di tornare nella sua officina.  Quello che sorprende e' che Flavio e' diventato meccanico dopo l'incidente. "Nel '91 lavoravo in una cantina sociale- racconta- stavamo facendo la manutenzione di un macchinario per la produzione del vino. La macchina era spenta ma non avevamo staccato la corrente e cosi', a causa delle vibrazioni che abbiamo provocato con i colpi di martello, si e' chiuso un contatto che l'ha fatta  ripartire e il mio braccio e' rimasto dentro. Dopo l'incidente- continua- ho cercato di riprendere la mia vita il piu' velocemente possibile: ho fatto il ciclo di fisioterapia per la riabilitazione e sono andato a Vigorso di Budrio per la protesi".

 

Racconta ancora: "Dopodiche' sono tornato subito al lavoro, continuando per sette anni a lavorare in quella stessa cantina". La passione per la meccanica, pero', Flavio se la portava dentro fin da ragazzo. "Ho sempre avuto questa passione- spiega- e ho studiato meccanica anche alla scuola professionale. Cosi' quando mi e' capitata l'occasione di lavorare in officina l'ho presa al volo. Era il '98, e da allora sono sempre rimasto qui".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -