Rimini: le azioni del comune per migliorare la qualità dell'aria

Rimini: le azioni del comune per migliorare la qualità dell'aria

RIMINI - Sarà disponibile dai prossimi giorni sul sito del Comune di Rimini l'edizione 2011 del rapporto Politiche integrate e azioni intraprese per il miglioramento della qualità dell'aria. Al secondo anno di pubblicazione, il rapporto è un "work in progress" che riassume le azioni svolte dall'Amministrazione comunale nell'arco dell'ultimo decennio illustrando in dettaglio le politiche e le azioni intraprese nei campi della mobilità sostenibile, del sistema insediativo e delle fonti rinnovabili, nonché dell'informazione, della comunicazione e dell'educazione.

 

Le politiche per la qualità dell'aria non si limitano infatti agli interventi per la limitazione del traffico, ma sin dal 2001 interessano in maniera integrata tre settori: la mobilità sostenibile (dalla gestione della mobilità privata alla fluidificazione del traffico, dalla qualità del parco veicolare al trasporto pubblico locale); il sistema insediativo (dal miglioramento degli impianti di riscaldamento agli incentivi per l'uso delle rinnovabili, dall'edilizia sostenibile alla valorizzazione del verde); l'informazione e comunicazione ai cittadini (campagne di comunicazione, iniziative per la partecipazione, formazione).

 

La sintesi del rapporto 

LA QUALITÀ DELL'ARIA A RIMINI

Dal 2001 al 2010 le polveri sottili PM10 sono calate del 20% come valore medio annuale, con una riduzione rispetto al 2003 (anno con il più alto numero di sforamenti) del 30% degli sforamenti dei limiti giornalieri previsti dalla normativa.

Nello stesso periodo sono diminuiti anche gli altri inquinanti con riduzioni medie attorno al 25% per il biossido di azoto, al 28% per il benzene, al 41% per il monossido di carbonio e al 7% per l'ozono.

PM10

Nel 2010, nelle stazioni posizionate nel Comune di Rimini, la concentrazione media annua di PM10 (le polveri sottili) si è mantenuta in tutte le stazioni al di sotto del limite previsto dalla legge, con valori intorno ai 31 microgrammi per metrocubo. Si tratta di un dato positivo pur tenendo in considerazione il numero di sforamenti giornalieri, che hanno raggiunto un massimo di 58 registrati dalla centralina di via Abete.

Per l'anno 2009 solo nella stazione Parco Marecchia non è stato rispettato il numero di superamenti consentito per la media giornaliera (35 volte), mentre è stato rispettato in tutte le stazioni il valore limite previsto per la media annuale.

Il trend 2005-2009: dopo un andamento in rialzo nel primo biennio nel numero dei superamenti del valore medio giornaliero si registra una discreta tendenza alla riduzione. Anche per il valore medio annuale per la protezione della salute, dopo un andamento in rialzo nel primo biennio, si registra in ogni caso una tendenza alla riduzione.

Biossido di azoto

Nel 2010 non si sono verificati superamenti né del valore limite orario di 210 μg/m3 né della soglia di allarme di 400 μg/m3, così come nel 2009. Il valore limite per la media annuale di 42 μg/m3, è stato superato solo nella centralina di via Flaminia. Per le concentrazioni massime registrate annualmente si rileva una certa tendenza all'abbassamento dei valori registrati.

Ozono

I dati rilevati durante l'anno 2010 mostrano che non si è mai verificato il superamento della soglia di allarme (240 μg/m3), così come nel 2009. Il trend rivela una tendenza alla diminuzione delle concentrazioni misurate dalla stazione "Marecchia" posta in ambito urbano.

 

LIMITAZIONE DEL TRAFFICO NEI CENTRI STORICI E NELLE AREE URBANE DENSE

La superficie totale di aree pedonali nel Comune di Rimini è oggi pari a 50.700 mq.

Dal 1999 al 2010 è stata ampliata l'area della Zona a Traffico Limitato del centro storico includendo le zone dell'Arco d'Augusto e del Borgo San Giuliano e ne è stata istituita una nuova, con validità serale estiva nella via Lagomaggio. La superficie stradale a traffico limitato è oggi pari a 11.720 mq e copre un'area complessiva di 768.960 mq.

In 22,43 km di vie del territorio comunale è stato imposto un limite massimo di velocità 30 km/h, di cui 6,64 km nel 2010.

La rete di piste ciclabili realizzata dal 1999 ad oggi è pari ad una lunghezza totale di circa 78 km, di cui 5 km realizzati nel 2010. In base a dati di letteratura le piste ciclabili contribuiscono notevolmente alla diminuzione del traffico motorizzato e di conseguenza alla diminuzione del PM10.

I dati di letteratura evidenziano inoltre come la costruzione di rotatorie e l'eliminazione dei conseguenti impianti semaforici, oltre a fluidificare il traffico ed aumentare la sicurezza, risultano essere un importante misura per la riduzione del PM10 e della CO2. In questa ottica negli ultimi anni sono state realizzate più di 72 rotatorie. Nel 2010 sono state costruite in particolare le 6 rotonde di: Cavalieri di V. Veneto - Losanna; Tonale - XXIII Settembre; Circonvallazione Corpolò - Marecchiese Monte; Circonvallazione Corpolò - Casalini; S.S. 16 - S.S. 9; Galla Placidia - Popilia - Sozzi. Tra le opere infrastrutturali accessorie alla realizzazione della terza corsia dell'Autostrada A14 sono in fase di realizzazione 4 rotatorie sulla S.S. 16 all'incrocio con via Covignano e via della Grotta Rossa (mare e monte).

  

QUALITÀ E QUANTITÀ DEL PARCO VEICOLARE

Da aprile 2006 sono disponibili, per i residenti nel Comune di Rimini, incentivi per la trasformazione degli autoveicoli da benzina a GPL o a gas metano. Al 31 marzo 2011 risultano liquidati 562.000 euro, per un totale di 1200 autoveicoli trasformati, di cui 1128 a GPL e 71 a gas metano, mentre la restante parte di contributo risulta già totalmente prenotata per le trasformazioni.

 

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

Nel 2010 sono stati acquistati 5 nuovi Bus urbani del tipo "Citelis Diesel eev" conformi agli standard ambientali delle norme europee Euro 5 ed EEV ( Enhanced Emission Vehicles). Veicoli acquistati dal 1999 al 2009: 47 Bus classe di emissione Euro 2; 45 Bus classe di emissione Euro 3; 3 Bus alimentazione Gpl; 4 Bus ibridi con diesel Euro 3; 3 Bus elettrici a batterie; 5 filosnodati; 13 bus Euro 5 EEV. In più sono stati adeguati 67 veicoli pre Euro 3 con dispositivo catalizzatore e filtro del particolato per l'abbattimento delle emissioni inquinanti.

 

MOBILITA' DOLCE

Nel luglio 2008 è stato attivato il servizio Rimininbici, che consiste in un sistema di noleggio gratuito di biciclette pubbliche collocate in diversi luoghi di Rimini (in prossimità di parcheggi pubblici, stazione ferroviaria...), strategici per la loro accessibilità. Il servizio vuole incentivare l'uso della bicicletta attraverso lo scambio auto/bici e autobus-treno/bici, fornendo maggiore libertà di movimento e contribuendo a ridurre l'intensità del traffico e l'inquinamento (acustico ed atmosferico). Nel 2010, grazie al cofinanziamento statale di 160.000 euro ottenuto dal Comune di Rimini, Rimininbici è stato ulteriormente potenziato: le 6 postazioni sono diventate 16 e le biciclette disponibili sono passate da 52 a 136, 80 delle quali coperte con pensiline. Dal 2008 ad oggi il numero di iscritti al servizio è di 855 utenti.

Nel 2010 il Comune di Rimini, insieme ai comuni di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Carpi, Imola, Ferrara, Faenza, Forlì e Cesena, ha firmato con la Regione Emilia Romagna il Protocollo di Intesa per l'adesione al nuovo sistema "Mi muovo in bici" che va ad integrare il servizio gratuito "Rimininbici". Il progetto fa parte dell'iniziativa regionale "Mi muovo" che con l'obiettivo di potenziare l'interconnessione tra diverse modalità di trasporto pubblico prevede un titolo di viaggio unico per il treno, il bus e noleggio di una bicicletta in bike sharing.

 

SISTEMA INSEDIATIVO

Sul territorio comunale sono ormai presenti quasi 70.000 impianti termici di cui il 98% a metano. Circa il 92% degli impianti sono stati censiti attraverso il catasto degli impianti termici. Tra gli interventi completati nel 2010:

-          Allaccio del nuovo Polo per l'infanzia di Viserba alla rete di teleriscaldamento.

-          Impianto di teleriscaldamento con centrale cogenerativa per il nuovo PEEP in località Gaiofana (previsti 149.000 mc riscaldati): completata la rete preisolata ad alta prestazione, allacciato 70% edifici previsti ed installata la centrale termica provvisoria.

-          Installazione di 2 impianti solari termici sul Polo Infanzia via di Mezzo e Centro studi Miramare per un totale di 15mq. Prevista installazione di ulteriori 35 mq di pannelli solari su principali impianti sportivi (stadio del baseball e Romeo Neri).

-          Installazione di impianto solare termico (40 mq) su nuovo edificio residenziale ACER nel comparto Gaiofana

-          Progetto "Rimini Città Solare": realizzazione di tre impianti fotovoltaici, per 40 kWp circa, nelle scuole: il polo d'infanzia di via di Mezzo, il polo d'infanzia del nuovo Peep di Viserba e la scuola media N. 7 "Enrico Fermi", finanziate dal Ministero per l'Ambiente nell'ambito del progetto "Fotovoltaico ad alto pregio". Riduzione delle emissioni: 25 tonn CO2 all'anno.

-          Installazione di 32 impianti fotovoltaici sugli edifici pubblici del Comune per 400 kWp entro il 2012, consentendo una produzione annua di circa 500.000 kWh, pari al 8% dei consumi elettrici di tutti gli edifici pubblici e una riduzione di 250 tonnellate di CO2 all'anno. Gli impianti fotovoltaici, diversi per potenza permetteranno la produzione di energia elettrica pulita pari al 30-40% del fabbisogno dei relativi edifici.

-          Da luglio 2010 anche edifici pubblici alimentati da energia verde. Riduzione delle emissioni: 1.200 tonn CO2 all'anno

-          Prevista installazione di impianto di tri-generazione (produzione elettrica, calore e freddo) prezzo Palazzo Garampi (a servizio di più edifici comunali) e Nuovo Palazzo di Giustizia

-          Progetto "Rimini per Kyoto, verso il 3x20%": progetto di riqualificazione energetica degli edifici comunali del Piano di Attuazione Regionale 2011-2013 attraverso sistemi di trigenerazione, domotica, illuminazione pubblica e reti di teleriscaldamento. Avvio progetto 2011, cofinanziamento regionale del 20% (1,5 M€), budget totale previsto oltre 9 milioni di euro. Risparmio energetico previsto pari a 1.000 TEP pari al 12% dei consumi dell'Ente.

-          Poli per l'infanzia di Viserba e via Di Mezzo realizzati secondo le linee guida di bioedilizia

-          Completamento progettazione nuovo tecnopolo per la ricerca scientifica nell'aerea dell'ex macello e di studentato ecoefficiente (finanziamento regionale 100%). Entrambi gli edifici saranno collegati alla rete di teleriscaldamento e saranno a consumo quasi zero.

-          Completamento progettazione per la ricostruzione del Teatro "A. Galli" ed avvio lavori foyer con edificio ad emissioni zero (climatizzazione con pompe di calore aria-acqua)

-          Realizzazione di 2 impianti geotermici privati al servizio di piccoli edifici ed 1 grande impianto (terzo in Europa per potenza) presso negozio IKEA a Rimini nord. Autorizzati altri 2 impianti nel corso del 2011.

-          Riduzione dei consumi elettrici negli edifici pubblici del 10% nell'ambito della Gestione del Global Service (telecontrollo raffrescamento, temporizzatori e sostituzione lampade incandescenza) per un risparmio di circa 100.000 kWh/anno

-          Sostituzione di oltre 1.000 lampade a vapori di mercurio con sodio alta pressione nell'illuminazione pubblica con un risparmio pari al 45% dei consumi (prevista la completa sostituzione delle restanti 900 entro il 2012); sostituzione di lanterne semaforiche ad incandescenza con sistemi a LED, risparmio stimato pari al 80%; sostituzione di n. 10.300 lampade votive cimiteriali con equivalenti a LED per un risparmio stimato pari a 70.000 kWh pari a 35 kg di CO2 all'anno.

-          Avvio del Progetto "Condomini sostenibili" in collaborazione col Centro Risparmio Energetico - Domotecnica per l'efficientamento degli impianti termici centralizzati attraverso la realizzazione di 100 diagnosi energetiche gratuite.

-          Campagne informative e di sostegno del solare fotovoltaico per le famiglie attraverso 2 gruppi di acquisto (GAS): oltre 80 impianti installati per oltre 300 kWp installati

 

VERDE URBANO

Nel marzo 2010 è stato presentato il censimento del verde pubblico del Comune di Rimini, disponibile su internet e costituito da una grande quantità di informazioni su alberi e altri componenti del verde pubblico (prati, cespugli aiuole, aree giochi...). Il patrimonio verde pubblico ammonta al 2010 a circa 3 milioni 100mila mq di superficie totale e conta circa 47.000 alberi di cui circa di cui 23.000 circa come alberature stradali. Le aree verdi sono aumentate del 30% rispetto al 1999.

Nel periodo considerato sono stati messi a dimora complessivamente circa 10mila alberi. Tra gli interventi recenti la piantumazione, affidata ad ANTHEA, di circa 700 alberi in aree di proprietà comunale per una parte dei bambini nati nel 2003.

E' stato inoltre realizzato ed inaugurato nel maggio 2011 il nuovo parco urbano sull'area di proprietà demaniale a Santa Giustina, di circa 92.000 mq.

E' in fase di progetto preliminare il "Risanamento ambientale ex cava IN.CAL. SYSTEM lungo la sponda destra del Fiume Marecchia" inserito nel progetto Provinciale "Le valli del Conca e del Marecchia: realizzazione di percorsi storico-naturalistici". L'area dell'ex cava IN.CAL. SYSTEM fa parte del Sito di Importanza Comunitaria (SIC) denominato "Torriana, Montebello, Fiume Marecchia" ed ha un'estensione di circa 20,5 ettari.

Da ricordare infine la riqualificazione del Parco Ausa-Raggio Verde. Oltre 250 nuovi alberi, tra cui pioppi, salici, ciliegi, querce in varietà, pini domestici, alberi di giuda; 18 trapianti di alberi esistenti; 3.000 nuovi arbusti, tra cui corbezzoli, sanguinelli, cornioli e ligustri; 1.000 piante bulbose 900 piante acquatiche; 1.200 metri di sviluppo dei nuovi percorsi ciclopedonali.

 

EDUCAZIONE E FORMAZIONE

Realizzazione del Progetto della rete INFEA "ERRE COME... Energie Rinnovabili e Risparmio e Energetico": insieme di attività coordinate per la realizzazione di convegni durante AmbienteFestival, informazione per i cittadini, promozione della sostenibilità (Concorso RECORD), censimento degli stakeholder locali (Report) strettamente connessa con la campagna informativa ENGAGE. Cofinanziato dalla regione Emilia-Romagna 50%.

Avvio del Progetto 3x20 Network: ciclo di 4 seminari e visite guidate per amministratori e dipendenti pubblici, aziende, scuole e NGO (6 partner di 4 Paesi, Budget € 70.000 )

Avvio del Progetto europeo ENGAGE: campagna informativa partecipata per la promozione del Piano per la sostenibilità energetica ed il Patto dei Sindaci (12 Paesi partecipanti ed Associazione Energy cities, budget 2 M€) attraverso la produzione di poster ed il monitoraggio di azioni sostenibili di cittadini, aziende, dipendenti pubblici ed altre amministrazioni. Convegno di Presentazione ad AmbienteFestival e Key energy2010.

Avvio Progetto INFEA regionale "Educazione all'Energia Sostenibile" (2011) in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna (Ambiente e Sportello Energia), tutte le province ed i CEA regionali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -