Rimini, le cantine in mostra al Vinitaly di Verona

Rimini, le cantine in mostra al Vinitaly di Verona

RIMINI - La provincia di Rimini sarà presente alla 45° edizione del Vinitaly di Verona, dal 7 all'11 aprile, prestigioso salone internazionale dedicato al vino e ai distillati.

 

Da diversi anni l'Ente Provincia e la Camera di Commercio di Rimini sostengono la partecipazione, curata dal Consiglio Interprofessionale vini e dalla Strada dei Vini e dei Sapori "Colli di Rimini", a quest'importante vetrina dei prodotti enologici locali. Il marchio riminese, per l'edizione 2011, è quello dei Vini Doc Colli di Rimini. Lo stand è nel padiglione 1 Emilia-Romagna, all'interno dell'area gestita dall'Enoteca Regionale E-R.

 

Uno spazio espositivo esclusivo, dove i visitatori potranno degustare i vini di 27 cantine riminesi proposti in abbinamento con i prodotti tipici del territorio, per trasmettere la realtà di un contesto vivace e ricco di proposte enologiche e gastronomiche.

Sarà possibile degustare le diverse tipologie di vini Doc prodotte dal territorio riminese (fra cui, in particolare, Sangiovese, Cabernet e Rebola).

 

Oltre alla ricchezza dell'offerta enogastronomica, si vuole porre al centro del messaggio anche un secondo elemento: il segno dell'intreccio antico e indissolubile tra il vino, la storia e la cultura del nostro territorio, riproponendo nello stand elementi dell'Ariminum romana, epoca chiave per lo sviluppo del sistema vitivinicolo riminese.

 

"In un periodo in cui la crisi economica fa ancora sentire effetti di media e lunga durata - ha commentato l'assessore all'Agricoltura della Provincia di Rimini, Jamil Sadegholvaad -, Provincia e Cciaa hanno deciso di investire nuovamente sulla partecipazione al Vinitaly e sul prodotto enologico riminese di qualità. E' così stata data ai viti-vinicoltori del nostro territorio una vetrina di primo piano all'interno di una manifestazione riconosciuta leader di settore in Italia".

 

"Tengo a ricordare che, attraverso l'applicazione del Piano regionale per la ristrutturazione e riconversione dei vigneti, le aziende viticole riminesi hanno ricevuto un importante sostegno al fine di sostituire gli impianti non più idonei alle esigenze del mercato. Ciò ha consentito, negli ultimi 10 anni, la realizzazione di oltre mille ettari di nuovi vigneti, con conseguente rinnovamento di circa il 30% della superficie viticola provinciale".

 

"Quindi - ha concluso -, non solo la provincia di Rimini continua a produrre circa 200mila ettolitri di vino l'anno, nonostante la crisi, ma gli Enti Pubblici investono nella qualità complessiva, che è crescente. Basti citare, a riguardo, l'acquisizione, nel 2010, della nuova Doc Sangiovese "Colli di Rimini", o il progetto "vitigni autoctoni", che ha selezionato e recuperato due antiche varietà viticole di pregio dell'entroterra collinare, denominate "Vernaccina" (bianco) e "Veruccese" (rosso).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In sintesi: metodi moderni ma anche recupero e conservazione della tradizione enologica. Un connubio tra valore produttivo e commerciale e valori identitari del territorio".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -