Rimini, luglio positivo per il turismo in riviera

Rimini, luglio positivo per il turismo in riviera

Rimini, luglio positivo per il turismo in riviera

RIMINI - Un primo, attendibile campione statistico conferma il positivo andamento turistico del mese di luglio per la Riviera di Rimini. I dati dell'Ufficio Statistica della Provincia di Rimini, riferiti al movimento clienti negli esercizi ricettivi del territorio registrano un +4,5% negli arrivi e uno + 1,1% nelle presenze. Più nel dettaglio a luglio sono stati registrati segni positivi sia per arrivi (+ 4%) e presenze (+ 0,3%) italiane che estere (rispettivamente + 6% e + 3,7%) con una permanenza media complessiva della vacanza di 6,9 giornate.

 

In senso più ampio, i dati di questi primi 7 mesi  rafforzano l'impressione di una Riviera di Rimini capace di adattarsi rapidamente ai cambiamenti nei flussi e nelle abitudini turistiche, ‘forzate' negli ultimi anni da una delle più gravi crisi economiche del dopoguerra,  e certamente ancora di più stringenti nell'ultimo anno per il sistema Italia: -0,1% gli arrivi totali e - 0,8% le presenze totali per il territorio provinciale. Un dato di sostanziale tenuta, al cui interno spiccano alcuni elementi da rimarcare: la ripresa del segmento turistico/congressuale nei mesi primaverili dopo un 2009 all'insegna della contrazione di arrivi e presenze, gli incoraggianti segnali sul versante del turismo estero, un maggio e un giugno difficili.

 

Se la minore capacità di spesa ha significato per la maggioranza delle famiglie italiane una contrazione o addirittura una cancellazione del periodo della vacanza- come ampiamente confermato dalla recente indagine Censis, secondo la quale il 58% degli italiani non farà vacanze nel corso del 2010- la Riviera di Rimini ha saputo tenere e  rimanere competitiva grazie alle azioni realizzate con successo sui mercati esteri (Russia, Est Europa, Austria, Svizzera, Scandinavia): + 4,5% le presenze dall'estero nel periodo gennaio - luglio 2010, con tassi di crescita significativi e consistenti in tutti i mesi analizzati, fatto eccezione per giugno che ha risentito in maniera pesante dell'effetto "meteo".


L'analisi statistica dei primi sette mesi del 2010 sostiene il ragionamento: positivi i mesi invernali (+6,3% presenze totali a gennaio, + 4,1% a febbraio), molto bene il mese di marzo (+ 11% nelle presenze totali), bene Aprile e la Pasqua (+ 2,5%, tenendo presente che sia nel 2009 che nel 2010 la Pasqua è "caduta" ad Aprile), le difficoltà nei mesi di maggio (-8,3% nelle presenze totali) e giugno (-3,3%), dove il meteo, la crisi economica e l'assenza di fatto di "ponti" hanno giocato un ruolo decisivo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -