RIMINI - Massimo Cacciari e Ivano Dionigi al Festival del Mondo antico

RIMINI - Massimo Cacciari e Ivano Dionigi al Festival del Mondo antico

RIMINI - Saranno il filosofo Massimo Cacciari e il filologo Ivano Dionigi i grandi protagonisti della seconda giornata del Festival del Mondo Antico di Rimini, venerdì 15 giugno. I due intellettuali rifletteranno pubblicamente sul tema della “Pecunia”, un valore pervasivo che accompagna la storia del pensiero occidentale per lo meno da quando il poeta Alceo, sei secoli prima dell'era cristiana, riferisce il detto «L'uomo è ricchezza» e aggiunge «nessun povero mai fu buono o valente», (Corte degli Agostiniani ore 21,30. In caso di maltempo: Teatro degli Atti).


Il pomeriggio sarà invece caratterizzato dall’inaugurazione della mostra L'antico a fumetti (ore 17.00 Galleria dell’Immagine – Rimini) di Sergio Tisseli, un maestro del fumetto e dell'illustrazione di argomento storico. Si potranno ammirare alcune splendide tavole che saranno presentate dal Prof. Giovanni Brizzi, insieme all'ultima pubblicazione Foreste di morte, soggetto dello stesso Brizzi, che firma la sceneggiatura con Giovanni Marchi: «Con le sue tavole - osserva Brizzi - Sergio Tisselli, tra i più grandi illustratori italiani in attività, si pone sulla scia di sommi disegnatori stranieri, come Chaillet o Dufaux, come Herrmann o Gomez, illustrando da par suo un momento importante della nostra storia passata, la guerra tra Roma ed Annibale».


Per gli amanti del latino e per tutti coloro che desiderano avvicinarsi alla lingua degli antichi in modo non accademico, alle 19 l’appuntamento da non perdere è quello con Harry Mount (Rimini – Museo della Città, Sala del giudizio) che presenterà il best seller Amo amas amat and all that. How to become a latin lover, una scanzonata escursione guidata nella lingua latina. Anche chi non ha studiato latino, sostiene il professore, in qualche modo ne subisce il fascino, basti pensare ai tatuaggi che molte star di Holywood, ma anche calciatori del calibro di David Beckam sfoggiano sui loro copri. Se dunque vi è capitato di sentirvi irritati durante una conversazione di fronte a un sine qua non o a un mea culpa non disperate (Nil disperandum) perché a tutto c’è rimedio, e al Festival del mondo antico di Rimini potrete percorrere un vero tour, per scoprire il latin lover che è nascosto dentro di voi!

Per la sezione “Biblia” la Sala Mosaici del Museo della Città (ore 16.00) vedrà Roberto Vignolo intervenire sul tema Senza veleno di morte. Antropologia ed escatologia del Libro della Sapienza. Sfida di inculturazione giudaico-ellenistica.


Spostandoci in altre località del festival si arriva nella maestosa Rocca di San Leo dove Paola Porta e Giovanni Assorati alle 16 introdurranno all’approfondimento su Sulle tracce di Leone e Marino. Il primo cristianesimo tra Dalmazia e Montefeltro.
Anticipando le tematiche affrontate nella mostra Arte per mare. Dalmazia, Titano e Montefeltro tra Medioevo e Rinascimento (San Marino - San Leo, 28 luglio / 11 novembre 2007), di prossima apertura, Paola Porta tratterà della cristianizzazione, in particolare della Romagna e del Montefeltro, così come si presenta nell'arte e nell'archeologia, partendo dalle coste e in particolare dalla capitale Ravenna e dal porto di Rimini, da cui il cristianesimo è arrivato e si è diffuso nell'entroterra, fino a San Marino e San Leo. Giovanni Assorati parlerà invece della tradizione che ha conservato la memoria dei santi Marino e Leone e dei problemi che solleva, sia nella sua interpretazione sia per le informazioni che fornisce sui protagonisti della vicenda.


A Montefiore Conca invece Giuseppina Muzzarelli, Dino Palloni, Aldo A. Settia, Elisa Tosi Brandi daranno vita a un dialogo a più voci intorno alle forme e alle funzioni dei castelli, dal Tardo antico alla piena Età moderna, indagando sia aspetti difensivi ed offensivi sia stili di vita, sfatando luoghi comuni e ragionando sul caso specifico di Montefiore. Sarà anche l'occasione per ricavare, dai risultati di una ricerca sui castelli svolta in ambito regionale, spunti di descrizione e riflessione sulle fortificazioni d'area riminese e malatestiana (ore 21.30 – Teatro Malatesta).

Sei le presentazioni di libri previste nella giornata: Susanna Minelli e Francesco Zarzana Il pascolo dei cammelli (ore 10 – Museo della Città, Sala Cavalieri); Maria Pia Guermandi e Valeria Cicala Un italiano scomodo. Attualità e necessità di Antonio Cederna (ore 11.30 Giardino del Lapidario – Museo della Città); Moreno Neri Commento al sogno di Scipione (ore 17 Museo della Città – Sala Cavalieri); Giovanni Brizzi Foreste di morte (ore 17 Galleria dell’Immagine); Roberto Andreotti I classici elettrici: da Omero al tardoantico (ore 18 Giardino del Lapidario – Museo della Città); Rosita Copioli Più dell’oro (ore 19 Biblioteca Civica Gambalunga – Corte).

Per la sezione Antiquaria nel Cinema segnaliamo L’omaggio a Vittorio Cottafavi (ore 21.30 – Biblioteca Gambalunga, Sala della Cineteca) con la proiezione de Le troiane (Italia 1967, 90’), in collaborazione con Teche Rai. Introducono Roberto M. Danese e Gianfranco Miro Gori.

Info: www. comune.rimini.it - Segreteria Settore Cultura - Tel. 0541.704290.

L’ingresso alle iniziative è gratuito, tranne alcuni laboratori, e limitato alla disponibilità di posti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

\

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -