Rimini, microcamera nel wc donne del tribunale. A metterla un avvocato

Rimini, microcamera nel wc donne del tribunale. A metterla un avvocato

Rimini, microcamera nel wc donne del tribunale. A metterla un avvocato

RIMINI - E' stato un avvocato di 45 anni a sistemare una microcamera nei bagni del wc delle donne del tribunale di Rimini. Lo hanno appurato gli investigatori al termine di un'attività d'indagine iniziata quando un'avvocatessa ha scoperto tra il cestito dei rifiuti una micro-camera di quelle che trasmettono le immagini via radio è stata un'avvocatessa. La donna aveva subito informato il personale addetto alla sorveglianza, che ha provveduto alla disinstallazione della telecamera.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La notizia aveva rapidamente fatto il giro del Palazzo di Giustizia, suscitando curiosità e allo stesso tempo preoccupazione. L'obbiettivo della telecamera era posizionato in modo da inquadrare il wc delle donne. L'uomo non è stato però denunciato con l'accusa di interferenza illecita nella vita privata delle persone in quanto perseguibile solo su denuncia. I filmati registrati sono stati mostrati degli investigatori ad alcune delle presunte vittime, ma nessuno ha ancora sporto querela.

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di pm
    pm

    Abbiamo una legge sulla privacy che ha prodotto milioni di firme e tonnellate di carta, servita più a tutelare i farabutti che le persone oneste. Ora apprendiamo che è possibile anche sbirciare nel wc senza essere perseguiti d'ufficio. Prevediamo un modulo per la tutela della privacy da firmare anche prima di andare al cesso? (Patrizio)

  • Avatar anonimo di monica1960
    monica1960

    Capirai!!! La cosa non mi sconvolge visto al tribunale di Rimini le pratiche vengono poste su una panca alla mercé di chiunque, in un corridoio, quello del giudice di pace, perchè ognuno deve cercarsi la propria frugando tra quelle degli altri, facendo anche cadere in terra documentazioni con il rischio di infilarle poi in pratiche sbagliate! Tutto vero e anche, da me, documentato. La privacy è sconosciuta in quel tribunale...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -