Rimini, monumenti 'spenti' contro i cambiamenti climatici

Rimini, monumenti 'spenti' contro i cambiamenti climatici

Rimini, monumenti 'spenti' contro i cambiamenti climatici

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche Rimini aderisce a "L'Ora della Terra" organizzando lo spegnimento, nella serata di sabato 28 marzo dalle ore 20,30 alle 21,30, dei principali monumenti storici simbolo di Rimini, quali l'Arco D'Augusto, il Ponte di Tiberio, il Tempio malatestiano, nonché spegnendo l'illuminazione delle principali piazze: Cavour, Malatesta e Tre Martiri. Nel mondo saranno spenti monumenti illustri come il Cristo Redentore di Rio, la Torre Eiffel o l'edificio più alto del mondo a Taipei.

In tutto il mondo grandi città con i loro monumenti, piccoli comuni, aziende e singoli cittadini nelle loro case spegneranno le luci per chiedere ai grandi della Terra di agire contro i cambiamenti climatici. Un gesto semplice, per accendere un messaggio che risuoni in ogni angolo del Pianeta.

Il WWF di Rimini ha chiesto a tutti i comuni della Provincia di aderire all'iniziativa planetaria "L'Ora della Terra" - Earth Hour. come azione concreta contro i cambiamenti climatici. Con il semplice gesto di spegnere le luci, singoli cittadini, comunità, città grandi e piccole, aziende e istituzioni sono accomunati in una gigantesca 'ola'  planetaria.

Un evento che quest'anno sarà documentato visivamente anche dallo spazio. La 'ola' globale, che quest'anno punta a coinvolgere un miliardo di persone, verrà osservata e ripresa dai satelliti per tutta la durata dell'evento.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -