Rimini, Museo città: lavori ala moderna entro 2010

Rimini, Museo città: lavori ala moderna entro 2010

RIMINI - L'ala archeologica con 49 nuove sale nell'ambito del progetto Museo della citta' (nel complesso vale 10 miliardi delle vecchie lire) verra' festeggiata al festival del Mondo antico dal 25 al 27 giugno. Per l'ala moderna, invece, i lavori saranno finiti entro la fine dell'anno, ma gia' la si sta attrezzando con l'aiuto del ministero "perche' non diventi l'ennesima pinacoteca". In questo caso bisognera' convincere le associazioni della Casa della pace a traslocare da via Tonini, e una sede, gia' visitata dal sindaco Alberto Ravaioli in un sopralluogo recente, puo' essere quella del quartiere 6.

 

C'e' ancora il Museo della citta' tra le principali attivita' dell'assessorato alla Cultura del Comune di Rimini. Martedì l'assessore Antonella Beltrami e i responsabili delle principali manifestazioni culturali hanno ricapitolato l'agenda 2010 nelle Sale antiche della biblioteca Gambalunga. Il taglio di oltre 300 mila euro all'assessorato non pregiudica la qualita' delle iniziative, assicura Beltrami, anche se qualche evento durera' meno giorni. Saltano soltanto le 'Meditazioni riminesi', che verranno riproposte nel febbraio del 2011.

 

L'ultimo emendamento al bilancio comunale, poi, ha consentito di riproporre la Sagra malatestiana (la 61esima edizione va in scena dal 2 al 21 settembre): ci sono 50 mila euro piu' altri 30 mila che arrivano dal settore Turismo. Il direttore dei musei comunali, Pier Luigi Foschi, fa notare che nel carnet degli appuntamenti andrebbe annoverato anche il ventennale dell'inaugurazione dello stesso Museo della citta': "In vent'anni siamo passati da 7 mila visitatori all'anno a 86 mila", sorride Foschi.

 

Stessa musica per la Malatestiana e per il teatro Novelli, con la prima che attrae 1.300-1.400 spettatori ogni sera e il secondo che da novembre a marzo ha registrato 35 mila paganti. La crisi, in ogni caso, si fa sentire. Per lo stesso festival del Mondo antico, infatti, la quota di

partecipazione dei privati si e' ridotta di 50 mila euro, e l'amministrazione e' intervenuta con 80 mila euro a proprio carico.  Servira' rigore anche sul fronte cinema, con al centro il nodo Fondazione Fellini.

 

"Entro il mese", precisa Beltrami, si dovra' chiudere con la nomina dei nuovi vertici dopo la bufera dei mesi scorsi. Gia' in settimana il Comune si incontrera' con la Provincia: per i tre posti che spettano ai due enti nel Cda, oltre a Beltrami, e' pronto Paolo Fabbri. La linea e' "tornare al pareggio di bilancio", dopo il 'rosso' di 300 mila euro ancora da ripianare, nell'ambito di sinergie che l'assessore immagina tra la stessa Fondazione e la Cineteca (gemellate nel futuro Fulgor).

 

Anche perche', non da oggi Beltrami lo evidenzia, "due istituzioni che si occupano di cinema in citta' non ce le possiamo permettere". Tornando alla Gambalunga, dureranno 12 mesi i lavori di ristrutturazione e adeguamento dei locali: costeranno 430 mila euro, la Regione ne stanzia 200 mila. Il nuovo direttore della biblioteca dopo che Marcello Di Bella e' andato in pensione? "Non ci saranno nuovi incarichi a un anno dalla fine della legislatura, per ora avanti con il gruppo di lavoro", chiude Beltrami. (Dire)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -