Rimini, nuova questura: il sindaco pronto ad andare in tribunale

Rimini, nuova questura: il sindaco pronto ad andare in tribunale

Rimini, nuova questura: il sindaco pronto ad andare in tribunale

RIMINI - "Come avevo più volte ribadito nelle scorse settimane, sulla questione della nuova Questura il Ministero dell'Interno ha molte possibilità di far valere con successo le proprie ragioni nei confronti della società costruttrice DA.MA. Srl.". Con queste parole il sindaco di Rimini, Alberto Ravaioli, annuncia il possibile ricorso legale contro l'impresa costruttrice che ha bloccato il trasferimento della questura nella nuova sede (già completata) di via Roma.

 

"I riscontri legali richiesti e giunti negli ultimi giorni - spiega Ravaioli -, mettono in evidenza come il Ministero abbia in mano tutti gli strumenti giuridici per dare corso al contratto preliminare firmato il 30 novembre 2005, sulla base di una cifra annuale di affitto dell'immobile pari a 3,336 milioni di euro".

 

Come spiega il sindaco, i legali ritengono che si tratti di un contratto preliminare che obbliga le parti alla stipula del contratto definitivo, pena- in caso di inadempimento- ‘la possibilità per la parte non inadempiente di ottenere dal Giudice Ordinario una sentenza che produca gli effetti del contratto non concluso' (art. 2932 doc. civ.). Ravaioli semplifica: "In soldoni, la sentenza del Giudice può dare il via al contratto vero e proprio".

 

"Non è di ostacolo a questa soluzione, la circostanza che nel preliminare non sia stato fissato un termine per la stipula del definitivo - spiega il sindaco di Rimini -, avendo la giurisprudenza riconosciuto che ‘nella domanda di esecuzione specifica dell'obbligo di concludere un contratto è implicita la richiesta al giudice di fissare un termine a tale fine' (Cassazione Civile, II, 16.10.2006 n. 22112). Inoltre va tenuto presente che ‘il termine per la stipula del contratto definitivo stabilito nel contratto preliminare costituisce un elemento accidentale del contratto' e che il canone di locazione (che costituisce elemento essenziale) è invece indicato nel preliminare".

 

Il Ministero, scrivono legali interpellati dal Comune di Rimini, deve dunque far valere nei confronti di DA.MA. Srl l'obbligo da questa assunto con il contratto preliminare del 2005.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -