Rimini: Open space technology, per valorizzare la Valle del Conca

Rimini: Open space technology, per valorizzare la Valle del Conca

RIMINI - Il 27 febbraio riparte da Mondaino il PROGETTO CONCA, il progetto sperimentale e partecipativo della Provincia di Rimini sviluppato negli ultimi due anni con gli enti locali, la Regione Emilia-Romagna e il MiBAC. Il progetto, oggi alla sua 2° edizione, ha lo scopo di definire una visione strategica condivisa per l'avvenire della valle del Conca e di promuovere sinergie per l'avvio di progetti concreti sul territorio.

 

Questa seconda edizione interesserà i comuni di Gemmano, Mondaino, Montecolombo, Montefiore Conca, Montegridolfo, Montescudo e Saludecio. Come per la prima edizione, in parallelo alle attività progettuali coordinate dalla Provincia di Rimini, verranno organizzati una serie di incontri sul territorio aperti ai cittadini.

 

Il Progetto Conca inaugura con un grande evento partecipativo, un Open Space Technology (OST), il primo in tutta la Romagna e nella provincia di Rimini. Si parlerà della valorizzazione della Valle del Conca e si chiederà ai cittadini interessati di esprimere le proprie idee per valorizzare il fiume e il territorio. L'incontro si terrà all'interno del Teatro Dimora dell'Arboreto di Mondaino. I partecipanti all'Open Space   saranno affiancati dagli architetti Marialuisa Cipriani, Elena Farnè e Claudia Morri.

 

L'Open Space Technology è un evento partecipativo che agevola la circolazione di informazioni, conoscenze ed esperienze all'interno di gruppi eterogenei di persone, in cui ognuno mette a disposizione il proprio sapere e la propria competenza.

 

Ma cos'è esattamente un Open Space? Questo metodo è stato ideato negli anni '80 dall'antropologo americano Harrison Owen. Dopo mesi di discussioni, i dirigenti di una nota industria americana in crisi invitarono Owen a sperimentare i suoi metodi per riprogettare in pochi giorni un piano industriale per salvare l'azienda. Owen organizzò un grande OST rivolto ai dirigenti, agli operai e ai sindacati ed in soli tre giorni l'azienda aveva un nuovo piano industriale condiviso da tutti. L'Open Space da allora  si è diffuso nel mondo.

 

Oggi l'OST è usato da Enti pubblici, Associazioni e da imprese private per risolvere questioni o problemi importanti. Proprio in questi giorni, la Regione Emilia-Romagna, dopo avere approvato una legge sulla partecipazione, sta per pubblicare una guida sull'OST rivolta agli enti locali. L'Open Space permette infatti di affrontare questioni molto complesse e per cui non esiste una soluzione univoca, in cui i partecipanti sono lasciati liberi di proporre in modo auto-organizzato e non gerarchico soluzioni creative, spostando la questione del problema verso idee per risolverlo.

 

 

Possono partecipare all'Open Space Technology del prossimo 27 febbraio tutti gli interessati a compiere un'esperienza di progettazione partecipata per la gestione e valorizzazione dell'ambiente (territorio) del fiume, come ad esempio: associazioni; gruppi di cittadini; scuole ed istituzioni culturali; operatori economici e turistici; associazioni di categoria; professionisti; amministratori, tecnici.

 

L'evento si terrà dalle 9.30 alle 18.00 al Teatro dimora di Mondaino.

Per saperne di più consultare il sito web della provincia di Rimini (www.provincia.rimini.it) oppure youtube (www.youtube.com/progettoconca) e facebook (gruppo progetto conca),

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -