Rimini, per quattro anni è l'incubo dell'ex e delle figlie. Ora è in carcere

Rimini, per quattro anni è l'incubo dell'ex e delle figlie. Ora è in carcere

Rimini, per quattro anni è l'incubo dell'ex e delle figlie. Ora è in carcere

RIMINI - Per quattro anni ha minacciato e perseguitato le figlie e l'ex moglie. L'incubo, iniziato con la separazione nel 2007, si è concluso lunedì pomeriggio: l'uomo, G.F., un bolognese di 49 anni residente a Rimini, è stato arrestato dagli uomini della Squadra Mobile con l'accusa di maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e violazione degli obblighi di assistenza familiare.  Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l'uomo non si è limitato alle sole minacce.

 

In una circostanza ha tentato anche di strangolare l'ex coniuge. Le figlie, minorenni, erano terrorizzate dal padre a tal punto anche di chiudersi in stanza non appena andava a casa. Anche i servizi sociali avevano segnalato la pericolosità dell'uomo. Diverse le frasi che gli sono state attribuite. Tra queste "una madre così meglio morta che viva", oppure "o attacco i palazzi della giustizia o uccido mia moglie", o "gli omicidi sono un effetto collaterale delle separazioni".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -