RIMINI - Pistola, proiettili e droga in casa: arrestato albanese 40enne

RIMINI - Pistola, proiettili e droga in casa: arrestato albanese 40enne

RIMINI - Detenzione e porto abusivo d’arma da fuoco, introduzione illegale nel territorio italiano d’arma da sparo di provenienza estera, detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti ed esplosione pericolosa di colpi d’arma da fuoco in luogo pubblico. Sono le accuse per le quali i Carabinieri della Nucleo Operativo della Compagnia di Riccione, in collaborazione con i colleghi di Morciano di Romagna, hanno arrestato lunedì un albanese di 40 anni, domiciliato a San Clemente.


Leonard Dedja, un muratore già noto alle forze dell’ordine, era già ricercato per l’esecuzione di un provvedimento di espulsione emesso a suo carico. Tutto ha avuto inizio nella serata di domenica quando gli uomini dell’Arma sono intervenuti presso il circolo A.C.L.I. di via Croce a Sant’Andrea in Casale su richiesta del gestore che aveva udito un colpo d’arma da fuoco sparato all’esterno del locale.


I militari, a seguito di un accurato sopralluogo tecnico, hanno rinvenuto e sequestrato un bossolo calibro 7,62x25. Subito sono scattate le indagini che hanno consentito di individuare l’albanese che, al momento si trovava in uno stato di alterazione psicofisica dovuta al consumo eccessivo di bevande alcoliche.


L’uomo, attivamente ricercato per un intero giorno, è stato bloccato dai Carabinieri, che stavano effettuando da alcune ore un servizio di osservazione presso il suo domicilio temporaneo, mentre stava rincasando. A seguito della perquisizione locale, effettuata all’interno dell’abitazione e in un vicino locale adibito a garage, sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro una pistola semiautomatica calibro 7,62 marca “Zastava Arms” modello m57, proveniente (si presume) dall’area Serbia-Montenegro, efficiente ed in buono stato d’uso e conservazione, completa di serbatoio contenente 9 proiettili cal. 7,62x25; ulteriori tredici proiettili cal. 7,62x25; cinque confezioni di hashish dal complessivo di 993,7 grammi; 63 grammi di cocaina occultata, unitamente a quanto riportato punti precedenti, all’interno di un casco da motociclista; e otto cartucce per fucile da caccia cal.12.


All’uomo, inoltre, è stato anche notificato un decreto del Presidente della Repubblica dello scorso 10 dicembre con il quale era stato dichiarato improcedibile il ricorso straordinario proposto dall’albanese avverso il diniego dell’istanza di regolarizzazione del rapporto di lavoro emesso, in data 28 agosto 2003, dal prefetto Rimini.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -