Rimini, presentato il nuovo Psc: "Anche noi avremo le nostre pinete"

Rimini, presentato il nuovo Psc: "Anche noi avremo le nostre pinete"

Rimini, presentato il nuovo Psc: "Anche noi avremo le nostre pinete"

Trasferire le cubature, soprattutto alberghiere ma anche residenziali, dalla Rimini sud-centro a quella nord per sgravare sulle densita' abitative: rivitalizzare il centro storico, su cui "la possibilita' di cambi destinazione non verra' data"; dotarsi, nella zona settentrionale retrostante la ferrovia, di spazi verdi come quelli che si estendono da Ravenna a Cervia, "perche' anche Rimini deve avere le sue pinete".

 

Questi i tratti salienti della ventina di pagine e allegati di documento preliminare al Piano strutturale comunale ("il futuro dei prossimi 15 anni") che la Giunta di palazzo Garampi, in compagnia del super gruppo di consulenti capeggiati dal "decano" Giuseppe Campos Venuti, ha presentato alla stampa.

 

Il sindaco Alberto Ravaioli e l'assessore al Territorio Antonio Gamberini, che vogliono far approvare il documento in Consiglio comunale "in gennaio" per chiudere la partita Psc-Rue "entro questo mandato", ribadiscono due concetti di fondo: la previsione urbanistica rispetto all'ultimo Prg del '99 "non aumenta quasi per niente" e i diritti acquisiti "non sono a rischio" perche' "la porzione di piano regolatore non attuata sara' la quantita' da utilizzare nel nuovo Psc".

 

Il tema della riqualificazione attraverso il trasferimento delle cubature interessa il tratto da Porto Canale a Miramare, dove per dirla con Gamberini "esiste una carenza molto forte di parcheggi, aree verdi, piste ciclopedonali" e dove "vorremmo un trasporto pubblico migliore ma gli spazi sono saturi". Lo strumento normativo, a distanza di decenni dalle lottizzazioni selvagge, "per dare una possibilita'" a Rimini nord secondo Gamberini "c'e' ed e' dentro la legge 20".

 

Ma se la priorita' e' quella di trasferire gli alberghi, cosa diventeranno le piccole pensioni nate negli anni '50? "Non vogliamo trasformare l'alberghiero in residenziale", ribadisce Ravaioli. La Giunta preferisce incentivare "a concorrere alla qualita' del territorio" secondo la logica "meno alberghi ma piu' ampi", dato che la capienza delle vecchie strutture alberghiere, dice Gamberini, "non e' piu' adeguata". 

 

Gli incentivi a spostarsi "verranno discussi nelle tante occasioni che avremo di qui in avanti", assicura l'assessore. Per quanto riguarda invece il centro storico, Gamberini non ha problemi a riconoscere che "negli ultimi 10 anni e' invecchiato e si e' ingessato, con le famiglie che se ne sono andate e le giovani coppie che mancano". Come convincerle? Anzitutto, "non chiuderemo vetrine per aprire sportelli bancari-assicurativi o garage", chiarisce l'assessore.

 

Piuttosto, "verranno recuperati gli spazi archeologici", dall'anfiteatro romano al castello passando per la zona della stazione e il ponte di Tiberio, e ci si concentrera' sui parcheggi sotterranei. Prima di congedarsi la Giunta scandisce la tempistica delle operazioni: preliminare entro gennaio in Consiglio con il quadro conoscitivo e la valutazione Valsat, concertazione istituzionale fino ad aprile, redazione definitiva entro luglio per aderire al Psc in settembre, chiusura Rue incluso entro marzo-aprile 2011.

 

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Enrico Maria Fantaguzzi
    Enrico Maria Fantaguzzi

    E' una notizia veramente interessante sapere che chi ci governa pensa a rifare la pineta a Rimini! Quando proprio in questi giorni è arrivata la comunicazione che verranno tagliate le ore degli educatori per i bambini disabili del 15% per mancanza di fondi. Io credo che forse questa potrebbe essere una notizia reale, la nostra amministrazione ha lasciato che le scuole comunicassero ai genitori che gli educatori destinati a garantire il diritto allo studio di persone disabili saranno tagliati del 15% complimenti a chi ha pensato di fare questo atto! sopratutto se servirà anche in minima parte a permettere la creazione della pineta!!!! saluti a tutti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -