Rimini, problemi al cantiere del Palas. Gli albergatori: "Sia fatta chiarezza"

Rimini, problemi al cantiere del Palas. Gli albergatori: "Sia fatta chiarezza"

Rimini, problemi al cantiere del Palas. Gli albergatori: "Sia fatta chiarezza"

RIMINI - Rimangono bloccati i lavori in alcune aree interne del nuovo palacongressi di Rimini. Dopo che nel weekend e' emersa la questione di alcuni materiali semilavorati per l'edilizia che non sarebbero omologati alle norme europee (il parlamentare della Lega Nord Gian Luca Pini ha ipotizzato due inchieste in corso in materia di costruzioni, una a Roma e una su denuncia depositata alla Procura in Tribunale a Rimini), il vice sindaco riminese Antonio Gamberini ha ricordato che parlare di blocco totale del cantiere "e' improprio" e che "non tutta l'area e' interessata".

 

In ogni caso- anche se buona parte dei lavori per l'opera da oltre 100 milioni di euro risulta ormai ultimata- vale l'ordinanza comunale del 15 giugno: si torna a procedere a pieno ritmo solo dove i materiali in ballo non sono stati utilizzati, confermano anche oggi pomeriggio a palazzo Garampi.

 

Chi lancia un appello accorato in queste ore e' la presidente degli albergatori Aia, Patrizia Rinaldis. Giovedi' scorso Rinaldis si era recata al cantiere del Palas per un sopralluogo e ne era uscita entusiasta. Oggi? "Oggi auspichiamo e chiediamo che venga fatta chiarezza su questa vicenda al piu' presto. Non abbiamo elementi in un senso o nell'altro, ma sappiamo che il palacongressi rappresenta un'opera troppo importante perche' ci siano intoppi", evidenzia la numero uno degli hotel, che qualche preoccupazione ce l'ha.

 

Il presidente di Rimini Fiera, Lorenzo Cagnoni, da parte sua ha gia' minimizzato e stamane torna a

parlarne in occasione dell'imminente manifestazione congressuale Btc tra i padiglioni dell'Expo: "Il nuovo Palacongressi, che aprira' a settembre triplicando le presenze dell'attuale, operera' in sinergia con la Fiera e in coordinamento con il Palazzo dei Congressi di Riccione, determinando un'offerta

d'eccellenza in virtu' della quale prevediamo un deciso sviluppo del mercato". Parole che vogliono incoraggiare, con la conferma dell'apertura del Palas "in settembre" (finora si e' sempre fissata l'inaugurazione al giorno 11).

 

Cagnoni va pure oltre, sottolineando che "con il nuovo Palacongressi di Rimini e, piu' avanti, quelli di Roma e Venezia, il Paese si sta attrezzando per essere competitivo a livello internazionale". In Comune la vicenda non e' passata inosservata. Il dirigente dello sportello unico per l'edilizia, Osiris Marcantoni, l'ordinanza sulla sospensione l'ha fatta pervenire a Cagnoni il 7 giugno. Il Consiglio comunale la delibera sull'aumento di capitale da 18 milioni di euro l'ha votata tre giorni dopo. "Non

ne sapevamo nulla, Cagnoni non ha affrontato minimamente il tema in aula. Evidentemente non e' una cosa importante. Riteniamo, dunque, che la road map per l'apertura l'11 settembre non sia

scalfita, siamo sereni", suggerisce Fabio Pazzaglia del Pd pesando le parole.

 

Chi attacca e' il Movimento a 5 Stelle: "Il Palas ora e' in parte bloccato- scrivono i grillini in un

comunicato- per il sospetto che siano stati utilizzati materiali scadenti per la costruzione. Magari i consiglieri, di maggioranza ed opposizione (questi ultimi in gran parte si sono astenuti, ndr), erano all'oscuro dei procedimenti in corso, ma questo denota ancora piu' la loro inadeguatezza. E poi qualcuno sapeva, e ha taciuto". Il Movimento ricorda che "a beneficiare del turismo congressuale indotto dal Palas saranno all'incirca il 3% degli albergatori di Rimini, cioe' quelli aderenti al Consorzio Aia Palas" che avranno il booking in esclusiva in cambio del pagamento di royalties pari al 10% della tariffa alberghiera. La proposta dei grillini, allora, dato che "l'opera c'e'", e' quella

di farne "qualcosa di utile per la comunita' intera e non solo per pochi". (Dire)

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di malatesta
    malatesta

    Il sig. Pini lo sa che prende voti anche a Rimini la Lega oppure no? Cosa sta tentando di fare?Di creare un'opera fantasma? Abbiamo gia la nuova questura, grazie!! Mi sembrano tutti pretesti per dare contro alla giunta..e forse anche alla città di Rimini??Sig Pini si spieghi bene perchè se la SUA lega fa solo gli interessi di Forli allora non andrà da nessuna parte!

  • Avatar anonimo di rob
    rob

    Siamo in balia di un piccolo ducetto di nome Pini e di quattro pseudo verdi solo capaci di contestare tipo i 5 stelle. Basta !!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -