Rimini, qualità del mare eccellente. Resta il problema delle fogne

Rimini, qualità del mare eccellente. Resta il problema delle fogne

Rimini, qualità del mare eccellente. Resta il problema delle fogne

RIMINI - Le acque della costa riminese risultano eccellenti. E' quanto emerge dal report sulla "Qualità delle acque di balneazione della provincia di Rimini". I dati sono stati stilati sulla base del monitoraggio effettuato secondo il calendario stabilito dalla Regione in 47 punti di campionamento: 26 a Rimini, 4 a Bellaria Igea Marina, 8 a Riccione, 5 a Cattolica e 4 a Misano Adriatico.

 

La valutazione della qualità delle acque di balneazione viene effettuata in relazione a ciascuna acqua di balneazione, al termine di ciascuna stagione balneare e sulla base delle serie di dati sulla qualità delle acque di balneazione relativi alla stagione balneare in questione e alle tre stagioni balneari precedenti.  Il giudizio di qualità di ogni acqua di balneazione si ottiene attraverso la valutazione del 95° percentile (o 90° percentile) dei parametri microbiologici.

 

La prima classificazione conforme alle prescrizioni del 116/2008 sarà completata entro la fine della stagione balneare 2015. "La qualità igienico-sanitaria delle acque di balneazione, nella porzione di costa regionale prospiciente il territorio della Provincia di Rimini - si legge nel rapporto dell'Arpa - risente dell'influenza determinata dall'immissione a mare dei volumi di acqua provenienti dai sistemi fluviali presenti, nonché da quanto veicolato dal reticolo idrografico secondario".

 

CRITICITA' DELLE FOGNE - Dal rapporto è emersa la necessità che siano intraprese adeguate iniziative allo scopo di garantire "l'estensione in ambito provinciale del sistema di raccolta e collettamento delle acque di scarico verso gli impianti di trattamento; l'adeguamento strutturale e tecnologico di quelle parti del sistema pubblico di depurazione che appaiono insufficienti e, comunque, non pienamente rispondenti alla necessità di salvaguardia delle risorse idriche; l'adeguamento del sistema di raccolta delle acque meteoriche che consenta la diminuzione dei volumi di reflui da gestire quindi di limitare le aperture degli sfioratori; una costante azione di controllo sull'eventuale presenza di scarichi non autorizzati nelle acque che recapitano in mare".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -