Rimini: rapinarono anziana in casa, presi dalla Squadra Mobile

Rimini: rapinarono anziana in casa, presi dalla Squadra Mobile

Rimini: rapinarono anziana in casa, presi dalla Squadra Mobile

RIMINI - Catturati i responsabili della rapina commessa il 20 febbraio scorso ai danni di un'anziana 71enne di Viserba, costretta sotto la minaccia di una finta arma da fuoco ad aprire la cassaforte di casa e consegnare 20mila euro in gioielli. Le manette sono scattate per O.D., 20 anni ucraino, e per A.G. un coetaneo italiano, già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e contro la persone. Quest'ultimo era ben conosciuto dalla donna rapinata.

 

Infatti il fratello era fidanzato con la nipote della vittima. A dare l'allarme fu proprio la nipote della 71enne dopo aver visto sul suo cellulare diverse telefonate senza conversazione dal cellulare della rapinata. Secondo gli inquirenti era proprio il giovane italiano a farle per far sapere all'ex ragazza del fratello che era successo qualcosa alla nonna. Le indagini sono partite dai tabulati telefonici e da un'impronta lasciata dall'ucraino e su un piccolo cofanetto di gioielli dell'anziana.

 

La verifica dei tabulati telefonici dell'utenza dell'ucraino ha consentito di scoprire numerose chiamate tra lui ed il complice. Il personale della Questura, inoltre, ha appurato tramite verifiche che i due rapinatori si erano rivolti a diversi punti vendita che comprano oro usato. Le ultime verifiche hanno portato gli agenti a chiudere le indagini. Lunedì sono scattate le manette per i due ragazzi, ora in carcere al ‘Casetti'.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -