Rimini: rapinatori di banche e ricettatori di auto, condanne per 30 anni

Rimini: rapinatori di banche e ricettatori di auto, condanne per 30 anni

Rimini: rapinatori di banche e ricettatori di auto, condanne per 30 anni

RIMINI - Rapinavo banche e ricettavano autovetture in Romagna. Sono stati processati venerdì, presso il tribunale di Rimini, i cinque pluripregiudicati foggiani arrestati il 18 marzo dello scorso anno dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Rimini al termine di un'indagine che mosse i primi passi il 10 ottobre del 2008 in seguito ad un colpo messo a segno all'agenzia di viale Marconi della Banca di Rimini, che aveva fruttato circa 7mila euro.

 

La pena più pesante è stata inflitta a Giandonato Dimodugno, 36 anni di Cerignola, che dovrà scontare sette anni di reclusione e 5mila di multa; Veronica Radu, una prostituta romena, condannata a 6 anni e ad una sanzione di 4.500 euro; Nicola Mansi, 29 anni di Cerignola, che dovrà scontare cinque anni e 6 mesi di reclusione oltre che a rispondere ad una multa di 5mila euro; e Roberto Moreo, 29 anni, condannato a 5 anni e 3mila euro di multa.

 

In seguito alla rapina alla Banca di Rimini, i militari iniziarono una serie di appostamenti e pedinamenti insieme ai colleghi della Compagnia di Cerignola e al personale del Servizio Rilievi Scientifici. Grazie alle immagini a circuito chiuso dell'istituto di credito, gli inquirenti riuscirono a scoprire che uno dei banditi aveva tatuato sul collo uno scorpione. Riscontri sono arrivati anche da un telefonino cellulare, dimenticato da uno dei rapinatori nell'auto usata per il colpo.

 

Dopo aver messo sotto controllo un residence di Miramare, i Carabinieri intervennero poco dopo la rapina, bloccando quattro persone: Mansi, insieme ad altre due persone, oltre alla prostituta romena, già nota alle forze dell'ordine. L'inchiesta, coordinata dal pm Irene Lilliu, consentì di individuare altri componenti dell'organizzazione: Moreo e Dimodugno. Uno dei due era già detenuto nel carcere di Pesaro per una rapina compiuta a Fano.

 

I Carabinieri appurarono che i banditi avevano rubato alcune automobili usate per le loro scorribande (una Jaguar e due Volkswagen Golf) per esser rivendute a Cerignola sul "mercato nero". I malviventi dovevano rispondere delle accuse di rapina aggravata, ricettazione e possesso di oggetti atti ad offendere.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -