Rimini, Ravaioli: "Metrò di costa e teatro sono le priorità"

Rimini, Ravaioli: "Metrò di costa e teatro sono le priorità"

Rimini, Ravaioli: "Metrò di costa e teatro sono le priorità"

Metropolitana di costa e teatro Galli: sono queste le due priorità per l'amministrazione comunale riminese. La scelta del Comune di Rimini di impiegare la propria imposta di scopo alla ricostruzione del teatro Galli piuttosto che al progetto della metropolitana di costa, come emerso ieri in commissione, continua a tenere banco in citta'. E' il sindaco, Alberto Ravaioli, a farsi sentire in queste ore con una nota per ribadire che l'impegno di palazzo Garampi sul Trc non e' in discussione: "Riaffermo che il Trc-metropolitana di costa e' un'opera che rientra fra le priorita' del territorio".

 

"E' un invito a non essere 'faciloni e superficiali' nella progettazione della mobilita' locale". Se oggi si rinunciasse alla realizzazione del Trc, prosegue Ravaioli, "un numero molto alto di anni dovrebbe passare prima di potere mettere in campo un'opera diversa. La storia amministrativa del nostro Paese insegna. E' una riflessione che chiedo di fare a tutta la citta' e a tutto il territorio".


Il "vero" problema attualmente sul tappeto, ricapitola il primo cittadino riminese, "e' che l'amministrazione dello Stato non ha ottemperato agli obblighi assunti con gli enti locali, contravvenendo a disposizioni piu' volte prese anche negli organismi tecnici, oltre che politici- leggasi Cipe".

 

Ravaioli ricorda che in generale rimangono in ballo sia il Trc sia l'intervento sul teatro: "Nel bilancio di previsione del Comune di Rimini per il 2010 sono presenti le risorse necessarie sia alla ricostruzione del teatro Galli sia alla metropolitana di costa". Di diverso avviso il leader provinciale del Pdl Marco Lombardi, che attacca sugli sviluppi della recente seduta in Consiglio concentrata sul Psc: "Il metro' di costa pare ormai aver imboccato un binario morto: non siamo solo noi del centro destra ed il Comitato contro il Trc ad essere contrari ma anche autorevoli studiosi come Campos Venuti e pezzi importanti del Pd".

 

Per il consigliere regionale, dunque, e' "giunto il tempo di dire basta e pensare a qualcosa di nuovo e di piu' moderno sfruttando anche la possibilita' che il Governo Berlusconi ci da' di dirottare gran parte dei fondi su altre opere". Altrimenti, chiude Lombardi, "la miopia di questa sinistra ci portera' a sprecare ingenti risorse pubbliche per creare un 'carrozzone' che si trasformera' in un pozzo senza fine anche dal punto di vista della gestione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -