Rimini, "Regina la paura" con Elena Bucci al Teatro degli Atti

Rimini, "Regina la paura" con Elena Bucci al Teatro degli Atti

RIMINI - Domenica alle ore 21 (Turno D - Tracce D Nuovo, in abbonamento) il Teatro degli Atti (via Cairoli, 42) ospita Regina la paura. Talismani e antidoti, ovvero pronti a morire ovvero essere pronti a tutto, con regia e drammaturgia di Elena Bucci con l'inserimento di brani tratti da "Venditori di paura" di Ermellina Drei e l'apporto di testi elaborati da improvvisazione.

 

Lo spettacolo è interpretato da Elena Bucci, Marco Sgrosso, Maurizio Cardillo, ?Nicoletta Fabbri, Filippo Pagotto e Daniela Alfonso, con Dimitri Sillato alle tastiere e al violino. La direzione tecnica e il disegno luci sono di Matteo Nanni, i costumi di Marta Benini, il suono e la composizione ai sensori di Raffaele Bassetti, le? installazioni e le lampade  di Claudio Ballestracci, i? piccoli schermi di  Pierpaolo "Spigolo" Paolizzi, il macchinismo e la direzione di scena  sono curati da Giovanni Macis. Lo spettacolo è una produzione Teatro Stabile di Napoli - Le Belle Bandiere in collaborazione con AMAT - Associazione Marchigiana Attività Teatrali e Comune di Russi e con il sostegno di Regione Emilia Romagna - Provincia di Ravenna.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci sono paure quiete ed operose che ci accompagnano  come maestre nel corso della vita - spiega Elena Bucci - e ci sono paure larghe e striscianti, sempre senza volto, che impediscono ai pensieri di volare e alle utopie di decollare.  In certi momenti della storia la paura viene agitata come un vessillo, sveglia gli istinti peggiori e frena i migliori, chiude la visione sul futuro e diventa uno strumento potente nelle mani di pochi. Cambia nome. Si veste di ragionevolezza, ragioni economiche, difesa, opportunità. Può convincerci che sia meglio essere soli che solidali, vincitori o vinti anziché compagni e più diversi di quanto non si sia uguali. La Paura, quando diventa Regina, è bugiarda e svuota le parole di senso. Cerco allora una scrittura originale risciacquata dalle azioni più concrete, una sintassi composita che attinga al dialetto e alla poesia, al turpiloquio e al linguaggio dei sogni, al parlato quotidiano e alle frasi che sentiamo rimbombare in pubblico. Vorrei varcare i limiti della decenza nell'uso dell'autobiografia e connettere i diversi codici artistici della musica, della danza, della visione. E siccome sognare non costa niente, mi piacerebbe che, per uno di quegli errori che valgono più di tante congetture e pensieri, questo spettacolo, come un rito di esorcismo collettivo, cominciasse nel mistero di un suono e in esso finisse, come si dice sia accaduto per il nostro povero mondo. Quale suono? E che ne so?"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -