Rimini: riparte il piano strategico per lo sviluppo ventennale della città

Rimini: riparte il piano strategico per lo sviluppo ventennale della città

Rimini: riparte il piano strategico per lo sviluppo ventennale della città

RIMINI - Con l'elezione del nuovo presidente della Provincia, riparte il cammino per il piano strategico, il progetto di sviluppo della capitale della Riviera per i prossimi venti anni. Entro novembre saranno fissate le priorita' da realizzare e indicate le risorse necessarie. A dettare l'agenda dei prossimi passi, è Alberto Ravaioli, sindaco di Rimini, e Stefano Vitali, presidente della Provincia. In cima ai progetti c'è la ri-naturalizzazione dell'area costiera.

 

La prima bozza del Forum ha gia' incassato l'ok dal Consiglio comunale. La prossima tappa e' "il secondo documento- spiega il sindaco- con cui si dovranno elaborare le scelte prioritarie e le risorse per realizzarle, entro novembre 2009". Intanto, Ravaioli giudica "una buona premessa" il via libera dato alla prima bozza, che "fissa i punti fermi dello sviluppoper i prossimi 20 anni", da parte di tutti i protagonisti.

 

A elaborare il progetto, i cui lavori sono iniziati nel 2007, e' il Forum del Piano strategico, dove sono rappresentate sia le istituzioni che il gruppo di coordinamento, Comune, Provincia, Camera di Commercio, Fondazione Carim, oltre 50 associazioni piu' tecnici e consulenti del comitato scientifico.

 

"Tutti- commenta soddisfatto il primo cittadino- hanno lavorato per raccogliere idee di quello che dovra' essere il futuro di Rimini di qui al 2027". Tra le idee, la rivisitazione della fascia turistica, basata sulla rinaturalizzazione, quindi piu' verde e stop alla circolazione del traffico nell'area che si estende dalla ferrovia alla spiaggia. Ma anche proposte su mobilita', sviluppo culturale ed economico, sui collegamenti tra i centri urbani.

 

"Il progetto non sara' fisso per 20 anni- spiega- ma ogni tre verra' aggiornato". Un invito al "fare insieme" e' lanciato invece da Stefano Vitali, neopresidente della Provincia di Rimini: "Il confronto sul piano strategico deve essere il piu' ampio possibile- spiega- insieme dobbiamo darci delle priorita' che vanno fissate nei prossimi mesi, ma le scelte collegiali devono concretizzarsi subito".

 

Vitali chiede condivisione nelle scelte, ma anche un ruolo di primo piano per la Provincia in tutto il processo: "Il piano strategico parte da Rimini ma va oltre Rimini", spiega il presidente. "Ha riflessi provinciali e non solo, perche' riguarda la viabilita' e strutture come il Palacongressi e la Fiera". Per questo, "la Provincia deve essere esserci nelle proposte piu' importanti che riguardano inevitabilmente i rapporti con le realta' confinanti". Tra queste cita la provincia di Pesaro-Urbino ma anche uno Stato, come la Repubblica di San Marino.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -