Rimini, rugby: primi test per la Civis

Rimini, rugby: primi test per la Civis

Il attesta dell'avvio del campionato 2010-2011 previsto per il 10 ottobre, oltre alla preparazione fisica sotto  la guida del preparatore atletico Annalisa Farinella, la Civis Rimin Rugby ha cominciato i test sul gioco, scendendo in campo ieri, domenica 26 settembre, in occasione del Memorial Sangiorgi-Pasolini, organizzato dal Ravenna Rugby e che ha visto la partecipazione oltre della squadra padrona di casa e di quella riminese, del Cesena Rugby e della formazione di Città di Castell0.

 

Per la CIVIS il risultato sul campo non è stato dei migliori, ma il premio come miglior giocatore del torneo attribuito a Matteo Righi la giovane (classe 1992) apertura della squadra del coach Giuseppe Leo ( che dopo la pausa della scorsa stagione, torna a guidare la compagine riminese) mitiga la delusione per le due sconfitte di misura patite durante il gioco.

La prima partita del memorial Sangiorgi - Pasolini, ha visto affrontarsi la Civis e il Ravenna, i padroni di casa partono più convinti e spingono subito forte, così intorno alla metà del primo tempo passano a condurre con una meta in mezzo ai pali che frutta, una volta trasformata, il 7 a 0. Rimini non reagisce e Ravenna ripassa, questa volta da posizione decentrata, manca la trasformazione e il risultato è di 12 a 0. A questo punto Righi imprime più profondità alla manovra dei riminesi grazie al gioco di piede e riesce a mettere in difficoltà la difesa e a segnare una meta allo scadere del primo tempo, che trasformata fissa il parziale su 12 a 7. La ripresa comincia con una punizione da 40 metri sbagliata da Rimini, che continua a cercare il  gioco largo, fino a quando a seguito di un suo calcio a seguire è ancora Righi ad arrivare per primo sul pallone e segnare, questa volta la trasformazione non gli riesce e lo score si ferma sul 12 a 12. Ravenna non ci sta, spinge molto, e passa di nuovo grazie a un'azione di forza dell'intero pack. La risposta della Civis è decisa ma  gli sforzi non sono sufficienti per tornare in mete e la partita finisce così 17 a 12 per il Ravenna.

 

Nell'altro scontro Cesena supera il Città di Castello per 28 a 17,  cosi Rimini si trova a giocare la finale per il 3° posto con gli Umbri. A pochi istanti dal fischio di inizio la CIVIS è subito in meta grazie a una bella azione di forza di Siboni, Righi trasforma ed è 7 a 0. Palla nuovamente al centro, ma questa volta una leggerezza della difesa riminese permette a Città di Castello di andare in meta e con la successiva trasformazione il punteggio passa sul  7 pari. Durante la fase centrale dell'incontro la CIVIS subisce due punizioni anche se la squadra umbra ne concretizzerà solo una portandosi sul 10 a 7. Il Rimini reagisce e comincia nuovamente a produrre gioco con il pack di mischia, una serie di avanzamenti consentono al mediano di mischia Racis di varcare la linea e siglare la meta, la posizione decentrata non consente la trasformazione ed è 10 a 12. Nel finale di partita  la stanchezza comincia ad affiorare, tutte le squadre sono ancora in fase di preparazione, e un errore di valutazione della difesa riminese consente ai trequarti del Città di Castello di segnare una meta in mezzo ai pali, ovvia e facile la trasformazione e il nuovo vantaggio di 15 a 12. C'è ancora tempo per alcune azioni della CIVIS.  I Riminesi, rimasti nel frattempo in 14 a causa di un infortunio occorso al capitano Racis, decidono di tentare il tutto per tutto per vincere la partita, purtroppo non ci riescono ed il risultato finale non cambia.

 

Buone le indicazioni dal campo per il coach Giuseppe Leo, a fronte di una condizione fisica non ancora ottimale e di una rosa ancora incompleta  in alcuni punti chiave, ma mancano due settimane all'inizio del campionato e il lavoro sul capo di Rivabella continua incessante.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -