Rimini, sequestrata la sede del Rimini Yacht

Rimini, sequestrata la sede del Rimini Yacht

Rimini, sequestrata la sede del Rimini Yacht

RIMINI - Sigilli alla sede del Rimini Yacht di via Destra del Porto, finito al centro di un'inchiesta giudiziaria da parte della Procura di Rimini. Carabinieri, Fiamme Gialle e personale della Capitaneria di Porto hanno portato via numerosi documenti utili ai fini dell'indagine. Al momento sono cinque le persone iscritte al registro degli indagati, tra cui il presidente del Rimini Yacht, Giulio Lolli. Le accuse sono di furto, truffa, sottrazione di bene e falso in atto pubblico.

 

Le indagini sono scattate dopo la denuncia sporta da un aspirante armatore. L'uomo si era recato in cantiere per ritirare il nuovo yacht, ma la barca era stata appena ritirata da un altro armatore con i documenti identici ai suoi. Questo ha consentito di scoprire che i vascelli sarebbero stati immatricolati più di una volta, sfruttando anche il registro navale di San Marino. Ma per l'operazione sarebbero stati usati anche documenti contraffatti. Ad esser truffati non solo gli armatori, ma anche le società di leasing.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -