Rimini: sgomberato il centro sociale Paz. Nessun incidente

Rimini: sgomberato il centro sociale Paz. Nessun incidente

Un'immagine del presidio tratta dal sito web del Paz

Sgombero pacifico per il centro sociale al Paz. Davanti al centro sociale si è presentata la polizia municipale, affiancata da carabinieri, guardia di finanza e polizia di Stato, per evacuare la quarantina di ragazzi presenti all'interno dello stabile di via Montevecchio, insieme a una quindicina di cittadini presenti all'esterno per solidarietà con il Paz e con l'avvocata del laboratorio Paola Urbinati. Tutto si è svolto senza incidenti o tensioni.

 

Lo setsso comandante dei vigili urbani di Rimini, Vasco Talenti, ha spiegato che "è andata piuttosto bene, non ci sono stati momenti particolarmente conflittuali con i ragazzi". Gli agenti hanno parlato con gli occupanti e rimosso le barricate poste davanti all'ingresso, per entrare infine da una finestra posteriore. Alle 10 il centro sociale era vuoto e i ragazzi per la strada.

 

"Da ora il Progetto Paz sara' ovunque nella citta' di Rimini- si legge oggi sul sito internet del laboratorio- ovunque il potere si esprime con la forza della violenza e con la forza del controllo sulle nostre vite". "Il Paz resiste! Apriamo spazi di libertà.." era stato il ‘grido' lanciato sempre dal sito web del laboratorio dopo il tentato sgombero del 3 giugno.

 

L'ordinanza del sindaco di Rimini, Alberto Ravaioli, che decretava lo sgombero dell'edificio è datata 30 maggio ed era stata consegnata agli occupanti che avevano chiamato ad un presidio anti-sgombero sin dalle 5 di lunedì mattina.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -