Rimini, sindaco determinato: revocate le deleghe ai due assessori silurati

Rimini, sindaco determinato: revocate le deleghe ai due assessori silurati

Rimini, sindaco determinato: revocate le deleghe ai due assessori silurati

RIMINI - Si è consumato il divorzio tra il sindaco di Rimini Alberto Ravaioli e due assessori che, per il sindaco, fanno riferimento al Sel, un gruppo consigliare di maggioranza che ha votato contro in consiglio comunale sulla delibera per il recupero dell'area Murri. Dopo le polemiche dei giorni scorsi, l'invito alle dimissioni (rifiutate però dai due membri di giunta), con tanto di giunta saltata martedì mattina, arriva la il taglio netto del sindaco: il ritiro della deleghe.

 

"Nella giornata di oggi ho provveduto alla revoca delle deleghe da me affidate agli assessori Vittorio Buldrini e Andrea Zanzini. Rimarco inoltre che quanto affermato da Vittorio Buldrini circa presunte richieste da me avanzategli in merito a ‘conteggi di voti' e per ‘sensibilizzare' SEL a votare la delibera relativa alla ex colonia Murri è destituito da qualsiasi fondamento", commenta il sindaco. Un assessore, infatti, ha raccontato di aver ricevuto pressioni per far votare a favore il Sel (Sinistra ecologia e libertà, la formazione guidata a livello nazionale da Nichi Vendola) a favore della delibera Murri.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -