Rimini, stanato dalla PolStrada con falsi documenti: arrestato

Rimini, stanato dalla PolStrada con falsi documenti: arrestato

Rimini, stanato dalla PolStrada con falsi documenti: arrestato

RIMINI - Gli agenti della Polizia Stradale di Rimini hanno arrestato un quarantenne russo poiché nel corso di un controllo, effettuato martedì scorso lungo la Statale 16 Adriatica, ha esibito un passaporto lituano. I poliziotti hanno approfondito la regolarità del documento, appurando che interamente contraffatto. Il passaporto è risultato intestato ad un'altra persona che nel 2005 ne aveva denunciato lo smarrimento.

 

Il quarantenne non aveva quindi fatto altro che sostituire le generalità del vero intestatario e la fotografia del titolare con le sue. A seguito degli accertamenti è emerso che il russo era stato arrestato nel 2009 sempre per il possesso di falsi documenti ed a seguito di tale circostanza era stato colpito da un provvedimento di espulsione dallo stato italiano.

 

L'uomo è stato perciò arrestato per il possesso di falsi documenti di identificazione e per avere fatto rientro nello stato italiano, dopo esserne stato espulso, senza le previste autorizzazioni. Inoltre è stato denunciato a piede libero per il possesso della falsa patente di guida, guida senza patente erche' mai conseguita e ricettazione dei falsi documenti.

 

Nel prosieguo della attivita' successiva ai contesti al codice della strada scaturiti dal controllo, si è presentata negli uffici della PolStrada la donna che risultava intestataria del veicolo, denunciata per l'incauto affidamento dell'autovettura a persona priva di patente di guida. I due, che si erano dichiarati zia e nipote, erano in realtà madre e figlio.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso degli atti la donna confermava le false generalita' del figlio, non sapendo che questi nel frattempo era stato diversamente generalizzato e che era stata accertata la falsita' dei documenti esibiti. Per tale ragione è stata denunciata a piede libero per favoreggiamento personale e per avere fornito false generalita' dell'uomo. Giovedì mattina il giudice ha convalidato l'arresto, firmando il nulla osta per l'espulsione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -