RIMINI - Successo per il ''Natale targato Rimini''

RIMINI - Successo per il ''Natale targato Rimini''

RIMINI - Un ‘esperimento’ pienamente riuscito. Questo il commento unanime a ‘Natale targato Rimini’, iniziativa benefica che nella serata di domenica 17 dicembre 2006 ha fatto registrare il tutto esaurito al teatro Novelli.


Tanti i protagonisti più o meno famosi dell’iniziativa: dal ‘mattatore’ Paolo Cavoli a Lia Celi, passando per Roberto Grassilli, Filippo Malatesta e i conduttori Marco Corona e Markino Mainardi, non sono mancati anche spazi per le esibizioni ‘artigianali’ degli amministratori locali.


Si sono in questo senso segnalati l’assessore Paola Taddei con l’interpretazione de ‘Il cielo in una stanza’, il duetto assessore Donatella Turci - Prefetto Domenico Mannino con una cover mix di ‘La partita di pallone’ e ‘Parole, parole, parole’, il monologo assessorile di Andrea Zanzini, le performance canore di classe dell’assessore Antonella Beltrami e del dirigente Gabriele Burnazzi.


Al termine della serata un grande coro di amministratori ed esponenti di tutte le forze politiche si è lasciato andare sulle note di ‘Oh, happy day’.

Durante lo spettacolo, l’assessore Elisa Marchioni ha voluto idealmente abbracciare tutte le famiglie colpite nel 2006 da un lutto, leggendo un brano del libro ‘Una botta d’orgoglio’, scritto da Silvano Cardellini.


L’incasso della serata- circa 3 mila euro- verrà devoluto in beneficenza alla Caritas; a questa somma si aggiungeranno le donazioni di alcuni sponsor che hanno scelto di appoggiare la serata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In conclusione, è stata una bella occasione per incontrarsi con Rimini e i riminesi- commenta Elisa Marchioni-. Per ritrovare quel comune denominatore di valori che, al di là di tutto, ci fa essere responsabili e appassionati per i nostri luoghi.”

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -