Rimini, telefonini senza Iva: evasione per 3 milioni di euro

Rimini, telefonini senza Iva: evasione per 3 milioni di euro

Rimini, telefonini senza Iva: evasione per 3 milioni di euro

RIMINI - "Dimenticava" di versare l'Iva dovuta sugli acquisti di merce dai propri fornitori: in questo modo una società riminese che commercia prodotti elettronici e di telefonia ha evaso 3 milioni di euro, secondo la ricostruzione effettuata dall'Agenzia delle Entrate di Rimini. L'inganno, realizzato attraverso lo schema della "frode carosello", si reggeva sulla complicità di un'impresa-fantasma della zona, che emetteva le false fatture di acquisto.

 

Le indagini degli 007 della Direzione Provinciale di Rimini hanno appurato infatti l'inesistenza di qualsiasi struttura organizzativa, oltre che la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi. Completavano il network della frode altre quattro società estere che fungevano da fornitori: anche in questo caso gli acquisti non erano registrati né dichiarati al fisco. I pagamenti, invece, erano reali, come dimostra la documentazione bancaria, mentre nei registri contabili i bonifici erano mascherati con operazioni fittizie.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La difesa del rappresentante legale, che si è detto "vittima di una macchinazione fraudolenta" escogitata da aziende concorrenti, non ha convinto i giudici della Commissione Tributaria di Rimini, che hanno confermato in toto l'operato dell'Agenzia delle Entrate condannando il contribuente anche al pagamento delle spese processuali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -