Rimini, torna il festival delle tendenze socio-culturali

Rimini, torna il festival delle tendenze socio-culturali

Rimini, torna il festival delle tendenze socio-culturali

RIMINI - Cos'è un evento, come si costruisce, quali saranno gli eventi del futuro? Da riti collettivi di appartenenza, gli eventi sempre più si stanno trasformando in veri e propri strumenti di marketing e di comunicazione. La loro evoluzione e, soprattutto, il loro futuro verrà analizzato nell'ambito della prossima edizione di 'Indicativo Presente', il primo festival dedicato al trendwatching e all'osservazione delle tendenze socio-culturali che torna a Rimini dal 9 al 10 dicembre

La manifestazione di quest'anno avrà come titolo "L'Evento che verrà - eventi del futuro e futuro degli eventi".

L'evento, che per anni ha funzionato essenzialmente come rito di appartenenza comunitaria, nel tempo si è configurato come prodotto commerciale e sé stante, come strumento indispensabile per la comunicazione e la definizione di brand geografici e industriali, a volte come stimolo per la riorganizzazione urbanistica e il riassetto di quartieri, città e territori.

Dal punto di vista più specificamente turistico, poi, l'evento ha iniziato a svolgere una funzione  di attrattore di nuovi pubblici, tale che ad oggi, rappresenta spesso anche il fattore determinante  della ragione del viaggio e dell'interesse del turista.

Se questa trasformazione è in atto, come possiamo immaginare gli eventi del futuro?

Di questo si parlerà nell'ambito delle due giornate di Rimini, dove verranno delineate le trasformazioni in atto, le cui linee guida si possono sintetizzare in 10 punti.

1. L'evento che verrà sarà sempre più vocazionale, sulla base di valori, passioni  e interessi comuni di una data comunità.
2. L'evento che verrà sarà sempre più il frutto di un'operazione di design spazio-temporale, come nel caso della Notte Bianca, che nasce da un lavoro simultaneo di compressione temporale e dilatazione spaziale del vecchio "modello" di festival.
3. L'evento che verrà sarà sempre più interstiziale. Gli eventi "massivi" lasceranno spazio a eventi più diffusi e leggeri, finalizzati al recupero e alla valorizzazione mirati di aspetti e identità del territorio.
4. L'evento che verrà sarà sempre più cross-mediale e multi-piattaforma. Lo sviluppo di una molteplicità di media partecipativi favorirà lo sviluppo di nuovi modi di percepire la realtà.
5. L'evento che verrà sarà sempre più collaborativo, sia tra gli organizzatori e i fruitori dell'evento che tra i diversi soggetti coinvolti nella realizzazione dello stesso.
6. Gli eventi che verranno saranno sempre più continuativi nel tempo.
7. L'evento che verrà sarà sempre più funzionale alla caratterizzazione di  brand geografici o industriali.
8. L'evento che verrà sarà sempre più orchestrato a diversi livelli di organizzazione.
9. L'evento che verrà sarà sempre più professionale prenderà figura anche a livello accademico al producer di eventi.
10. L'evento che verrà sempre sempre più green ed eco-compatibile.


Fin dalla sua nascita, la finalità di IndicativoPresente è stata quella di analizzare l'evoluzione delle tendenze sociali e culturali, non tanto dal  punto di vista delle mode, ma come verifica delle trasformazioni della società e dei comportamenti degli individui nel medio e lungo termine.

La seconda edizione del Festival era incentrata sul tema dei trendmakers, ovvero di coloro che, spesso dietro le quinte,  orchestrano l'ideazione e l'affermazione delle nuove tendenze.

Questa nuova edizione, incentrata sul tema degli EVENTI, ne rappresenta la naturale evoluzione, anche in considerazione delle tante nuove attività e figure professionali che asseriscono al settore degli eventi, dagli organizzatori, ai direttori artistici, allestitori, comunicato, operatori turistici, amministratori locali...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -