RIMINI - Turismo, Consiglio provinciale unito

RIMINI - Turismo, Consiglio provinciale unito

RIMINI - L’ordine del giorno sul turismo è passato all’unanimità in Consiglio provincialedi fronte all’assessore regionale Guido Pasi. Ecco il testo:

“Il Consiglio, considerato il valore sempre più strategico del turismo…

Considerato che la legge regionale 7 prevede i sistemi turistici locali…

Considerati i tagli del 2006 e del 2007,

considerate le opportunità offerte dai fondi comunitari 2007-2013

chiede che la Regione confermi il valore strategico del turismo, che deve trovare massimo risdalto ed attenzione nell’ambito delle politiche regionali; renda disponibili riseorse finanziarie per i progetti di sistemi turistici locali sin dal 2007; provveda all’integrazione dei fondi 2007 destinati alle Province e ai Comuni per la promozione turistica locale in base alla legge regionalen 7; si impegni nella fase di definizione delle modalità di utilizzo dei fondi comunitari, in particolare del Fondo europeo di sviluppo regionale e, soprattutto per quanto attiene all’obiettivo competività, a considerare prioritaria la sfida dell’innovvazione del prodotto e le politiche di riqualificazione urbana alla luce della qualità e sostenibilità dello sviluppo, tenuto anche conto che dal 2006 non è più operativa la parte della legge regionale 40 riguardante le Province per i limiti imposti dalla legislazione nazionale; approvi le direttive applicative entro una data utile affinchè la programmazione 2008 possa essere realizzata con i nuovi indirizzi”.

Il Consiglio aperto sul turismo era iniziato alle 16 con l’intervento dell’assessore provinciale Andrea Gnassi che ha sottoposto al collega regionale Pasi le cifre e l’ottimismo di questo inizio stagione, ricordando però quanto sia in salita la strada della competitività. Gnassi ha anche ricordato il valore della Riviera di Rimini promotion e del grande successo del low cost, ma ha chiesto a Pasi di sperimentare l’innovazione di prodotto nei sistemi turistici locali di cui Rimini e il suo territorio sono la punta di diamante.

Hanno poi parlato operatori cme Vannucci, di Riviera di Rimini Promotion e Bucci, in rappresentanza dele Aia e, ancora, Pari per Confesercenti e Temeroli per la Camera di Commercio, e Sanese per Confcommercio e Giovannini per gli albergatori di Riccione. Riconoscendo tutti ala Regione e al sistema Rimini di aver fatto molto e bene per uil turismo.

Interventi poi dei consiglieri provinciali e del consigliere regionale di An Renzi.

Il presidente Ferdinando Fabbri ha ripercorso la storia di buoni rapporti cion la Regione fornendo anche ottimi esempi di rapporto pubblico-privato che funzionano. Evidenziando anche un ruolo politico di rilievo svolto dalla Provincia di Rimini che ha saputo coordinare e raccogliere le idee di un territorio intero. E mostrando i limiti che ancora penalizzano l’area turistica: mobilità, qualità urbana da espandere e migliorare, trasporti.

Infine ha ricordato che non esistono altri territori che possano competere in termini di progetti e di mercato come quello riminese.

Pasi dal canto suo ha raccolto molti dei suggerimenti ponendo il problema di cultura turistica che ancora attanaglia il nostro Paese che non è in grado di capire come il turismo sia nella realtà un’industria da valorizzare.

Ha spiegato come la legge 7 leghi promozione e commercializzazione, ricordando i tagli obbligatori degli ultimi anni e ipotizzando che la nuova legge 7 possa ridare impulso anche agli investimenti attraverso la sfida dei privati e del legame con altri settori conme agricoltura e artigianato.

Altra ipotesi, che arrivino fondi consistenti sia dal Fondo Sociale europeo che dal governo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi il voto dell’ordine del giorno e l’altro voto relativo ale modifiche dello statuto di Aeradria.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -