Rimini: va in pensione Giampietro Pecci, dirigente della Provincia

Rimini: va in pensione Giampietro Pecci, dirigente della Provincia

RIMINI - Con la chiusura dell'anno è andato in pensione per raggiunti limiti di età il dottor Giampietro Pecci, dirigente responsabile del settore Politiche Giovanili, Immigrazione, Pari opportunità. L'Amministrazione Provinciale, in una nota, ha voluto "ringraziare con calore il Dottor Pecci per il lavoro, la passione, l'impegno, la competenza che ha messo a servizio della Provincia di Rimini sin dalla sua istituzione".


La Provincia di Rimini ha quindi provveduto a porre alle sue dipendenze con contratto a tempo determinato il Dottor Alberto Rossini, che assumerà la responsabilità dirigenziale di: organizzazione tecnica per l'Alta Valmarecchia, grandi progetti, politiche dell'energia. Nella primavera 2010 l'Amministrazione Provinciale di Rimini provvederà a una complessiva ridefinizione della propria organizzazione, attraverso il riordino di servizi, uffici e ambiti dirigenziali. In attesa di questo passaggio le deleghe di Giampietro Pecci saranno assegnate al Coordinatore di Area, Ingegner Enzo Finocchiaro.


Alberto Rossini, 51 anni, è laureato in Filosofia all'Università di Bologna. E' sposato e padre di due figli.Ha lavorato per lungo tempo nella formazione professionale come responsabile dell'Iscom di Rimini. E' stato Segretario e poi Direttore della Confcommercio ricoprendo anche incarichi di livello nazionale, quale consulente di ForTer e di Enasco, per la formazione dei dirigenti del settore servizi. E' stato, tra l'altro, membro della CCIAA di Rimini e Vicepresidente di Itinera.


E' stato assessore provinciale dal 2004 al 2009. Ha collaborato a diverse ricerche nel terziario con enti pubblici e privati e pubblicato alcuni volumi sul turismo ed il marketing territoriale ed un libro sul commercio a Rimini (La Metamorfosi di Rimini, Guaraldi), recentemente ha scritto La stanza vuota, un saggio per Fara Editore sulla globalizzazione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -