Rimini, violenta prostituta sotto la minaccia di una pistola. Arrestato

Rimini, violenta prostituta sotto la minaccia di una pistola. Arrestato

Rimini, violenta prostituta sotto la minaccia di una pistola. Arrestato

RIMINI - Ha violentato una prostituta colombiana sotto la minaccia di una pistola. Un giovane marocchino di 22 anni, O.L. le sue iniziali, è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Rimini dodici ore dopo lo stupro. L'episodio risale al 15 settembre scorso quando la ‘lucciola', una quarantenne residente a Viserba con un permesso di soggiorno spagnolo, ha denunciato alla Polizia di esser stata violentata da un extracomunitario che l'aveva contattata per una prestazione.

 

L'individuo, dopo essere entrato in casa, l'ha costretta a ripetuti rapporti sessuali sotto la minaccia di una pistola. Quindi si è dileguato a bordo di una "Fiat 500" rubata una settimana prima ad un avvocatessa riminese, individuata nella zona di Dogana al confine con San Marino. All'interno vi era la pistola usata per le minacce, risultata una scacciacani, e circa 30 grammi di hashish. La cattura dello stupratore ha permesso agli agenti di arrivare anche allo spacciatore, un 24enne.

 

Il giovane, A.G. le sue iniziali, è stato rintracciato nella sala giochi che gestiva in Piazzale Tripoli, a Rimini. All'interno sono stati trovati e sequestrati 138 grammi di hashish e 10.200 euro. Processato il 17 settembre per direttissima è stato condannato ad un anno e 4 mesi di reclusione e 4mila euro di multa con obbligo di dimora a Parma. Per l'extracomunitario le accuse sono di violenza sessuale, furto, porto abusivo d'arma, e detenzione di sostanze stupefacenti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -