Rimini Yacht, arresti domiciliari per l'imprenditore siciliano

Rimini Yacht, arresti domiciliari per l'imprenditore siciliano

Rimini Yacht, arresti domiciliari per l'imprenditore siciliano

RIMINI - Arresti domiciliari per Elenio Arcifa, l'imprenditore siciliano accusato dalla Procura di Rimini di aver riciclato i capitali illeciti di Giulio Lolli - il titolare della società Rimini Yacht catturato a Tripoli con le accuse di furto, truffa, sottrazione di bene, estorsione pluriaggravata e falso in atto pubblico - e di aver finanziato la latitanza dell'imprenditore bolognese negli ultimi otto mesi nel nord Africa. Arcifa era stato arrestato venerdì scorso a Roma-Fiumicino.

 

Il quarantenne deve rispondere delle accuse di riciclaggio e favoreggiamento. Le indagini del sostituto procuratore Davide Ercolani nel frattempo proseguono per chiarire che fine ha fatto la somma di denaro dell'impero della Rimini Yacht non ancora trovata.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -