Rimini Yacht, nuovo sequestro di beni a Giulio Lolli

Rimini Yacht, nuovo sequestro di beni a Giulio Lolli

Rimini Yacht, nuovo sequestro di beni a Giulio Lolli

RIMINI - Nuovo sequestri di beni a Giulio Lolli, il titolare della società Rimini Yacht arrestato a Tripoli per la maxi truffa di imbarcazioni lusso. I militari del Nucleo per la tutela del patrimonio artistico di Catania hanno posto sotto sequestro quadri, mobili antichi ed un dipinto del '600, per l'ammontare di diversi milioni di euro. Si tratta di oggetti che l'imprenditore aveva spedito nell'abitazione di Cava di Scordia del broker Elenio Arcifa.

 

E' stata la moglie di un maresciallo che, osservando le foto degli investigatori, ha posto la sua attenzione su quei pezzi di antiquariato. Durante la perquisizione nell'abitazione della frazione catanese, sono spuntati parte dei beni di Lolli, tra cui l'opera seicentesca, del cui valore, tra i 500mila e i 600mila euro.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo la Guardia di Finanza di Bologna ha preso visione della documentazione del finanziamento chiesto da Lolli alla Banca Popolare di Spoleto, per ottenere il quale si era rivolto a Flavio Carboni, il faccendiere finito nel mirino dell'inchiesta sulla P3.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -