Rimini, ''Bravi ragazzi'' alimentavano il commercio della droga. Otto arresti

Rimini, ''Bravi ragazzi'' alimentavano il commercio della droga. Otto arresti

Rimini, ''Bravi ragazzi'' alimentavano il commercio della droga. Otto arresti

RICCIONE - E' di otto arresti (di cui due ai domiciliari) e sei denunce a piede libero il bilancio dell'operazione antidroga "Bravi ragazzi" condotta dai Carabinieri della Compagnia di Riccione e della Tenenza di Cattolica e coordinata dal sostituto procuratore di Rimini, Davide Ercolani. Il lavoro degli inquirenti, iniziato nel settembre del 2009, ha tratto origine dall'arresto di un tossicodipendente che aveva riferito di un giro di spaccio di eroina e hashish.

 

Con l'attività d'indagine sono stati identificati due tunisini che gestivano il commercio attraverso contatti telefonici con gli acquirenti, cui consegnavano le dosi di stupefacente nei pressi del parco Montalbano a San Giovanni in Marignano. I successivi sviluppi ha poi permesso di individuare un parallelo canale di commercio gestito da D.B., un 21enne residente a Fratte di Sassofeltrio, e ospite della Comunità Terapeutica "Papa Giovanni XXIII" di Cesenatico.

 

Il giovane, insieme a due collaboratori, che erano soliti commerciare eroina - anche loro a San Giovanni in Marignano nei pressi del parco Montalbano dai quali si rifornivano numerosi giovani tossicodipedenti della Valconca. Gli investigatori sono poi risaliti ad altri soggetti dediti allo spaccio di droga, tra cui E.C., 24enne di Cattolica residente a Sassofeltrio, che si riforniva di eroina da D.B., per poi spacciarla a sua volte ai giovani della zona, nonché due conviventi, S.T., commerciante di 23 anni residente a Coriano, e H.E., 30enne tunisino.

 

Questi ultimi due, in particolare, svolgevano sia attività diretta di spaccio ai singoli acquirenti, sia attività di approvvigionamento di altri spacciatori al minuto, fra i quali B.D. e C.R., una barista di 24 anni residente a Cattolica. Sempre nel corso delle attività, si è risaliti ad uno dei fornitori di D.B., il 22enne S.B.. un canale del tutto autonomo di spaccio era gestito in proprio da D.P.22enne di Sassocorvaro e residente ad Audtore, alla cui identificazione si è arrivati attraverso la condivisione con i precedenti canali di alcuni acquirenti.

 

L'operazione ha permesso di documentare un incremento del consumo di eroina tra i più giovani, che ne fanno uso perché più economica e con effetti più duraturi nel tempo della cocaina. Durante i numerosi servizi di osservazione, veniva inoltre documentata una "nuova" forma di assunzione della droga, consumata mediante "fumigazione".

 

In particolare, una piccola quantità di sostanza, nell'ordine di pochi decimi di grammo, viene appoggiata su un pezzo di carta stagnola che viene scaldata da una fiamma libera (normalmente viene utilizzato un semplice accendino). A questo punto i consumatori inalano i fumi derivanti dalla combustione della sostanza che provocano gli effetti psicoattivi in un lasso di tempo ragionevolmente breve.

 

Tale forma di assunzione, sebbene apparentemente meno invasiva, di fatto risulta estremamente più subdola: i consumatori ne avvertono l'utilizzo alla stessa stregua di uno "spinello" con hashish o marijuana. Gli effetti dell'oppiaceo, di gran lunga più nefasti a livello psichico e fisico, portano i consumatori ad una lenta ed inesorabile dipendenza, nascosta dal presunto convincimento che possono smettere quando gli pare perché non si "fanno in vena".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Operazione Bravi Ragazzi - il cui nome si deve al fatto che gli arrestati sono giovani di "buona famiglia" - già nel corso del suo svolgimento, ha consentito, a riscontro e supporto dell'attività investigativa (condotta anche con l'ausilio di attività tecniche e servizi dinamici sul territorio), di arrestare altre 8 persone in flagranza di spaccio e sequestrare numerose dosi di eroina. Le ordinanze di custodia cautelare, firmate dal gip di Rimini Fiorella Casadei, sono state eseguite nelle province di Rimini, Pesaro e Urbino e Forlì - Cesena.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -