RIMINI - 'Fabbriche aperte' a Montegridolfo

RIMINI - 'Fabbriche aperte' a Montegridolfo

MONTEGRIDOLFO (Rimini) - Proseguono con successo le iniziative organizzate da Confindustria Rimini e dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Rimini per avvicinare la scuola all’impresa.


Per Fabbriche Aperte, il progetto nato per sensibilizzare i giovani ad intraprendere professioni nell’industria manifatturiera e dei servizi e per sensibilizzare l’opinione pubblica sul lavoro che le imprese svolgono e sull’importanza del loro apporto all’economia della provincia, domani martedì 27 febbraio (ore 13.30), Mobygest-Hotel Philosophy (www.hotelphilosophy.net), ospiterà a palazzo Viviani di Montegridolfo gli studenti del liceo Liceo Scientifico Paritario Georges Lemaitre-indirizzo ospitalità.


Attraverso una visita guidata, circa 30 studenti accompagnati dal preside Daniele Celli e da alcuni professori, verranno accompagnati da Walter Molaschi, Direttore di Palazzo Viviani alla scoperta dei segreti e delle meraviglie del borgo e dell’arte dell’ospitalità.


Mobygest, associata a Confindustria Rimini, è leader nel settore dell’ospitalità per la gestione di hotel, villaggi turistici e antiche residenze di charme.

Un marchio di successo raggiunto grazie a una filosofia precisa: “Il nostro ospite è coccolato, circondato dallo studio del singolo particolare. Assicurandoci del suo divertimento, ci occupiamo della qualità dei dettagli, interpretando e reinventando al meglio le pietre miliari del nostro lavoro. In equilibrio fra gusto contemporaneo e rispetto del passato, a d esempio, una vecchia fattoria, un hotel design, una casa di campagna, o manieri d’altri tempi come il borgo di Montegridolfo, si trasformano in eleganti strutture ricettive, in charming hotel o in piccole guest house”.


Il castello, risale al lontano Medio Evo e durante i secoli, ha vissuto un difficile destino di contesa per via della sua posizione, unica e strategica. Situato, infatti, al confine tra Romagna e Marche, Montegridolfo si erge su quella linea che allora delimitava i possedimenti della casate dei Malatesta di Rimini e dei Montefeltro, signori della vicina Urbino. Il suo battesimo è nel XIII secolo quando venne scelto a dimora della nobile famiglia dei Gridolfi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ tornato al suo splendore grazie ad un’opera complessa durata circa sei anni e voluta da un gruppo di imprenditori locali: Vittorio Livi di Fiam Italia spa, Massimo ed Alberta Ferretti di Aeffe spa, mossi e motivati dal comune amore per la propria terra di origine.
Con la collaborazione e l’appoggio del Comune di Montegridolfo e dell’Ente Regione Emilia Romagna, il 24 giugno 1994 Montegridolfo ha riaperto la sua porta, anzi la sua “Torre della Porta” che sovrasta l’ingresso del borgo, ancora la stessa costruita dai Malatesta nel lontanissimo 1338.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -