Riolo Terme, finalmente in sicurezza il chilometro 'critico' sulla 'Casolana'

Riolo Terme, finalmente in sicurezza il chilometro 'critico' sulla 'Casolana'

Riolo Terme, finalmente in sicurezza il chilometro 'critico' sulla 'Casolana'

RAVENNA - Sono stati inaugurati dal presidente della Provincia Francesco Giangrandi, dall'assessore ai lavori pubblici Marino Fiorentini e dai Sindaci  di Riolo Terme, Emma Ponzi, e di Casola Valsenio, Nicola Iseppi, i lavori di messa in sicurezza con eliminazione punti critici della ex statale n. 306 Casolana. I lavori prevedono l'eliminazione di un rilevante punto critico per la viabilità in prossimità dell'abitato di Isola in corrispondenza del tratto tra i km 11+090 e km 12+437.

 

L'importo dei lavori è di 4milioni 830.344 euro.

 

Il tracciato , in tale tratto, presenta  un andamento plano altimetrico privo dei requisiti geometrici e prestazionali atti a garantire una sicura fruizione e un idoneo livello di servizio.

 

"La rilevanza dell'intervento è data dal ruolo da sempre svolto dalla "Casolana - Riolese" nell'ambito della viabilità regionale e provinciale" spiega l'assessore Fiorentini. "Questa strada rappresenta infatti per la vallata del fiume Senio, il principale collegamento con la via Emilia e quindi il principale collegamento col più grande sistema intermodale di viabilità della regione."

La "Casolana - Riolese" si raccorda con la ex statale n.302 "Brisighellese - Ravennate" e quindi con Firenze. La mobilità che fruisce la ex ss n. 306 "Casolana - Riolese" come collegamento interregionale, proviene dai centri abitati di Faenza e Castel Bolognese posti lungo la Via Emilia. L'arteria infatti è una valida alternativa agli altri collegamenti interregionali non autostradali: la statale n. 67 Forlì - Passo del Muraglione - Firenze e la statale n. 610 lungo la vallata del Santerno.

Il ruolo fondamentale svolto dalla "Casolana - Riolese"  nella viabilità regionale e provinciale è pienamente recepito dagli strumenti di pianificazione: il Piano Regionale Integrato dei Trasporti (Prit 1998/2010 ) e il Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia che le attribuiscono un ruolo di collegamento alternativo all'attuale rete autostradale e di arteria capace di garantire un'efficace livello di accessibilità al territorio.

 

La situazione di pericolosità, connessa all'andamento plano altimetrico della strada nel tratto in questione, è aggravata dalla presenza, in corrispondenza del tornante posto alla progressiva chilometrica km 11+300 , degli innesti della sp n.65 "Toranello" a destra, e della strada comunale che porta all'abitato di Isola a sinistra. La causa dello stato di pericolosità della ex ss n. 306 "Casolana - Riolese" nel tratto in prossimità dell'abitato di Isola è riconducibile a due fattori: i vizi geometrici del tracciato connessi alla presenza di curve e tornanti con caratteristiche geometriche non conformi alle normative; e la presenza di diverse intersezioni concentrate lungo un breve tratto in punti dai quali non è garantita la visibilità necessaria per effettuare le manovre.

 

L'intervento di razionalizzazione prevede la rettifica plano altimetrica del tracciato, l'eliminazione dei tornanti e l'adeguamento funzionale della piattaforma stradale allo standard C1. La geometria del nuovo asse stradale, è stata vincolata dall'andamento dell'asse esistente che asseconda il più possibile l'assetto orografico del territorio a scapito della linearità del tracciato.

Allo scopo di rendere il tracciato rispondente alla normativa in vigore e a un livello di servizio accettabile, si sono inserite, in particolari punti, curve con raggio maggiore di quello esistente e , dove possibile, sono state utilizzate curve a raggio variabile per raccordarsi ai rettifili.

 

L' opera d'arte presente lungo il tracciato è il ponte al Km 0+159.95 . Nello stralcio 2 è presente un altro ponte al Km 0+634.5 (l=35m.) sul Rio del Cocco.

L'intervento di "Razionalizzazione e messa in sicurezza con eliminazione punti critici nel tratto della ex ss n. 306 Casolana (1° lotto 1°stralcio)" dell'importo complessivo di 1.330.344 euro interamente finanziato con contributo della Regione, risulta ad oggi ultimato. I lavori appaltati all'Impresa Marino Impianti di Francesco Marino & C.S. n.c. con sede a San Lorenzo (RC) sono stati completati e il nuovo manufatto di scavalco è stato collaudato il 29 novembre .

Saranno, a finitura ulteriore dell'intervento, nel corso del primo trimestre 2011 realizzati i lavori di installazione delle barriere di fonoassorbenti sul nuovo ponte. Tali interventi complementari e di finitura hanno richiesto da parte della Provincia un ulteriore impegno finanziario di 150mila euro.

Anche il secondo stralcio della  variante di Isola è in corso di attuazione da parte della Provincia. E' stato approvato il progetto definitivo redatto dalla Società di Ingegneria 3TI Italia - Progetti di Roma; è stata acquisita la concessione da parte della Regione del necessario contributo finanziario  a copertura dell'opera, e la Provincia ha svolto le procedure per l'affidamento dell'incarico esterno per la redazione del progetto esecutivo. Entro aprile 2011 il progetto esecutivo dell'intervento sarà completato e le aree necessarie alla realizzazione dell'intervento saranno state acquisite cosicché, nel mese di maggio, sarà possibile avviare le procedure concorsuali d'appalto e dare avvio ai lavori a fine estate 2011.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -