Riolo Terme, i 'Lòm a merz' per la Festa della Donna

Riolo Terme, i 'Lòm a merz' per la Festa della Donna

RIOLO TERME - Un'ultima notte per vivere l'emozione dei Lòm a mêrz e per scoprire i segreti delle feste di carnevale nella tradizione. Martedì 8 marzo i  tradizionali fuochi che riportano all'attenzione sulle usanze culturali e simboliche del tempo passato chiudono l'edizione 2011 con una grande cena.


Il programma della serata prevede nella "Villa Corte" di Castellina di Brisighella (via Corte, 9, 0546.85789) dalle ore 19 l'accensione del grande falò propiziatorio a cui farà seguito la narrazione popolare con il monologo "E Viaz" di Giuseppe Bellosi, poesia in dialetto da Stecchetti a Baldini e la conversazione di Beppe Sangiorgi sui "Balli stretti del carnevale romagnolo".

Per quanto riguarda la cena, che inizierà alle 20,30, l'allestimento della sala vedrà la presenza delle tende di Egidio Miserocchi e le ceramiche di Carla Lega. La cena contadina prevede come menù un antipasto contadino "Spoia lorda" allo zafferano, seguito da spezzatino di bovino romagnolo "Bovinitaly" patate al forno e verdure di stagione saltate in padella. Si chiuderà con zuppa inglese  e dolci di carnevale. I vini provengono dalle cantine Gardi Bertoni e Zinzani. Il costo della cena è di €30 con prenotazione obbligatoria al 331.4428484 (Italo) 339.4939961 (Lea). La cena sarà presentata e realizzata dalle Azdore de "Il Lavoro dei Contadini".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -