Riviera Romagnola, segnali positivi: turisti in aumento a luglio

"Dopo un avvio di stagione difficile - commenta l’assessore Regionale al Turismo Andrea Corsini - i risultati positivi non hanno tardato ad arrivare"

Dopo l’incertezza meteorologica di maggio-giugno (con 10 giorni di sole in meno rispetto allo scorso anno), l’estate 2016 sulla Riviera Adriatica dell’Emilia Romagna è finalmente entrata nel vivo e i dati turistici lo testimoniano. Secondo le rilevazioni dell’Osservatorio sul Turismo Regionale, nel mese di luglio gli esercizi alberghieri ed extralberghieri tra la Riviera di Comacchio e Cattolica hanno registrato complessivamente un incremento del +2,2% di arrivi (1.202.000 arrivi complessivi) e +2,5% di presenze (9.233.000 presenze) rispetto al luglio 2015, che aveva fatto registrare un’ottima performance.

Buona sia l’affluenza di clientela italiana, con 863.000 arrivi (+2,4% su luglio 2015) e 6.585.000 presenze (+2,7% sul 2015), che internazionale, con 339.000 arrivi (+1,8% su luglio 2015) e 2.648.000 presenze (+2,2% sul 2015). Segnali positivi anche dall’analisi dei dati raccolti da inizio anno, con il trend gennaio-luglio che fa registrare un +0,3% di presenze sia italiane che straniere. Positivi anche i dati sugli accessi ai caselli autostradali della Riviera, che tra maggio e luglio hanno registrato una crescita complessiva del +3,6% (con un picco in luglio del +5,6%) e le maggiori punte di affluenza a Forlì e Cesena Nord (entrambi +4,7%), Valle del Rubicone (+10%), Rimini Sud (+4,5%) e Cattolica (+5,6%).

"Dopo un avvio di stagione difficile - commenta l’assessore Regionale al Turismo Andrea Corsini - i risultati positivi non hanno tardato ad arrivare. Merito di azioni mirate da parte della promozione turistica Regionale, di una capacità ricettiva che ha puntato a innovazione e qualità, e dei grandi eventi di sistema, dalla Notte Rosa ai Riviera Beach Games, passando per la Notte del Liscio, affiancati dalle tante iniziative dei Comuni e degli operatori privati. A premiarci è stata anche l’offerta integrata di vacanza della Riviera, che contempla mare ed entroterra, tra cultura, enogastronomia tipica, vacanza attiva, parchi divertimento e tanto altro". Dai sondaggi su un panel di oltre 3.000 operatori di tutti i comparti dell’offerta turistica, la Germania si conferma il primo mercato turistico estero della Riviera Romagnola per 7 operatori su 10, seguita da Francia e Svizzera. In leggero aumento i prezzi degli hotel, pur rimanendo concorrenziali nei confronti dei principali competitor italiani ed internazionali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -