Rocca San Casciano, casa di riposo. Bartolini (PdL): "Salvaguardarne l'attività"

Rocca San Casciano, casa di riposo. Bartolini (PdL): "Salvaguardarne l'attività"

Rocca San Casciano, casa di riposo. Bartolini (PdL): "Salvaguardarne l'attività"

FORLI' - La Casa di riposo "Villa del Pensionato" di Rocca San Casciano (FC), completamente rinnovata da circa due anni, con 24 posti letto di cui 9 protetti, entrata nel giugno scorso a far parte dell'Asp di Forlì, rischierebbe oggi di "essere abbandonata nello svolgimento delle proprie attività, già aggravate da notevoli difficoltà".

 

Ne dà notizia il consigliere regionale Luca Bartolini (pdl) in un'interrogazione, in cui ricorda che lo "spirito di costituzione dell'Asp dovrebbe essere quello di affrontare e risolvere in rete i problemi non solo economici, ma anche quelli sociali, per una maggiore integrazione dei vari territori".

Considerando che "le zone collinari e montane non si possono spogliare dei servizi essenziali assistenziali-socio sanitari", Bartolini sottolinea come occorra individuare al più presto una modalità che salvaguardi in ogni Comune la sussistenza del servizio, modulando le risorse in modo da non penalizzare il territorio.

 

Il consigliere ribadisce, a questo proposito, la necessità di rafforzare la struttura di Rocca San Casciano, penalizzata in passato dalla scarsità di posti letto protetti attribuiti a livello di Conferenza socio-sanitaria, e ritiene "non ammissibile" il suo "abbandono" da parte di chi ha creduto nella trasformazione pubblica, effettuata con delibera della Giunta regionale 247/2008, e che oggi si disinteressa del futuro della stessa struttura.

 

Bartolini chiede quindi alla Giunta regionale quali iniziative intenda assumere per salvaguardare i servizi assistenziali-socio sanitari della zona montana ed in particolare della Casa di riposo "Villa del Pensionato" di Rocca San Casciano, non riducendone i posti protetti, e se non ritenga opportuno rafforzare gli impegni a favore di questa struttura per non costringerla a scelte che avrebbero ricadute "gravissime" per tutta la popolazione residente nel territorio.

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Ohi, l'obiettivo è nobile, ma sinceramente una casa di riposto con 24 posti letto mi sembra un po' sottodimensionata. Se la logica è il contenimento dei costi, allora qui bisognerebbe puntare su medio-grandi strutture accentrate che garantiscono economie di scala.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -