Rocca San Casciano, ex poligrafico Cappelli: i dipendenti aspettano gli arretrati

Rocca San Casciano, ex poligrafico Cappelli: i dipendenti aspettano gli arretrati

Rocca San Casciano, ex poligrafico Cappelli: i dipendenti aspettano gli arretrati

ROCCA SAN CASCIANO - Il sindaco Rosaria Tassinari, scrive al giudice delegato del tribunale di Torino, Stefano Scovazzo, per sollecitare il pagamento spettante ai 34 ex dipendenti dell'ex poligrafico Cappelli, fallito da oltre tre anni.  Nella lettera, firmata anche dai 34 ex dipendenti, si sollecita il pagamento di quanto dovuto. "Ci permettiamo di segnalarle l'assoluta necessità, seppure nel rispetto dei tempi tecnici, di addivenire al riparto parziale delle somme introitate alla procedura fallimentare"

 

"Il tutto a seguito della cessione dell'immobile sito in Rocca San Casciano di proprietà della Srl Agg Printing Stars." La richiesta è motivata dal fatto che "i dipendenti dell'azienda, creditori privilegiati, attendono da oltre tre anni l'erogazione della retribuzione pregressa." Alcuni degli ex dipendenti hanno trovato lavoro, altri sono in mobilità e altri disoccupati. Tutti però hanno urgente bisogno di quegli arretrati.

 

Il primo cittadino descrive anche l'attuale situazione di crisi in cui vivono gli ex dipendenti: "La situazione economica lavorativa del territorio, unitamente alla difficoltà di reperimento di nuove attività lavorative, rende oltremodo necessaria l'erogazione, alla luce delle primarie esigenze di vita che la stessa andrebbe a supportare."  Lo stabilimento di via Meleto è stato venduto all'asta il 30 aprile 2010 per 525mila euro, acquistato da un imprenditore locale. Il curatore fallimentare, il torinese Carlo Odorisio, ha più volte spiegato che "l'Inps sta facendo i conti per capire quanto ha speso l'ente per anticipare ai dipendenti il Tfr e poi sarebbe stato depositato il progetto di riparto dei soldi che riguarda gli oltre 200 creditori, compresi i 34 dipendenti."  L'ex stabilimento poligrafico, fondato nel 1848 da Federigo Cappelli, la cui famiglia l'aveva ceduto negli anni '70, ultimamente apparteneva alla società Agg Printing Stars, fallita il 27 settembre 2007.  Ognuno degli ex operai deve riscuotere cinque mesi di stipendio (maggio-settembre 2007), una parte della tredicesima e le ferie (8-10mila euro), mentre il Tfr è stato anticipato quasi per intero dall'Inps.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -