Rocca San Casciano, in consiglio comunale si parla di riduzione Ici

Rocca San Casciano, in consiglio comunale si parla di riduzione Ici

ROCCA SAN CASCIANO - Venerdì 18 febbraio, alle 20.30, si svolgerà a Rocca San Casciano il consiglio comunale con vari punti all'ordine del giorno, fra cui due di grande interesse pubblico: la riduzione dell'Ici del 10% per i negozi e l'approvazione del regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili. 

 

Spiega il sindaco, Rosaria Tassinari: "Sono varie le motivazioni del provvedimento a favore dei negozianti, fra cui la crisi economica attuale, la crescente concorrenza dei supermercati delle città e un incentivo per rinnovare le attività commerciali da parte dei giovani. Lo so che non sono molti soldi, ma si tratta di un segnale importante che mandiamo ai commercianti del paese, per far sentire loro l'interesse e la vicinanza dell'amministrazione pubblica, che sostiene i loro sforzi per tenere aperte delle attività che caratterizzano il nostro paese." 

 

Aggiunge il Vicesindaco ed assesore al Bilancio Francesco Casanova: "L'agevolazione dell'ICI riguarda i fabbricati destinati ad attività commerciali ed artigianali di categoria catastale C1-C2-C3 direttamente utilizzati per lo svolgimento dell'attività. Per usufruire di tale riduzione dovrà essere presentata una dichiarazione presso l'ufficio tributi del comune. L'operazione comporterà un minor introito nelle casse comunali di 3-4mila euro". 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I consiglieri comunali sono chiamati anche ad approvare il nuovo regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili, che potrà svolgersi anche nell'ex Colonia Fluviale, l'ampia sala all'interno del parco pubblico. Spiega il sindaco Tassinari: "La richiesta arriva direttamente dalla gente, perché la sala del consiglio contiene una cinquantina di persone. Ma molte volte gli inviati sono molti di più. Quindi devono restare fuori dalla porta, magari lungo le scale o proprio fuori dal Comune. Questa situazione crea disagio, perché a un matrimonio anche civile tutti vogliono vedere gli sposi e partecipare al momento cruciale della celebrazione." Conclude il sindaco: "Dare una risposta positiva ai desideri della gente è sempre una grande soddisfazione, specialmente in momenti così emozionanti e importanti per le persone, come la festa di matrimonio."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -