Roma, operato bimbo rimasto ferito a Melito: resta grave

Roma, operato bimbo rimasto ferito a Melito: resta grave

REGGIO CALABRIA - Sono peggiorate nelle ultime ore le condizioni di Antonio Laganà, il bambino di tre anni rimasto ferito alla testa da un colpo d'arma da fuoco vagante venerdì scorso a Melito Porto Salvo. Il piccolo, trasferito all'ospedale ‘Bambin Gesù' di Roma, è stato colpito da un'ischemia cerebrale. Per questo motivo è stato deciso di trasferire il bambino nell'ospedale di Roma, dove è giunto nel pomeriggio con un volo dell'Aeronautica militare.

 

Il nosocomio pediatrico romano ha diramato un bollettino medico in cui è stato reso noto che il bambino ''con ipertensione endocranica secondaria ad ischemia cerebrale, è stato sottoposto a una ampia craniectomia decompressiva emisferica destra. Il complesso degli esami strumentali di controllo eseguiti in mattinata dalle equipe del Bambino Gesu' - continua - ha documentato la stabilizzazione post operatoria del quadro, pur nella persistenza della criticita' delle condizioni cliniche. Il paziente viene tenuto sotto monitoraggio costante delle condizioni regionali e generali. La prognosi resta pertanto strettamente riservata''.

 

Nel frattempo continuano le indagini dei carabinieri per fare luce sull'agguato in cui è rimasto ferito il piccolo. Il vero obiettivo era Francesco Borrello, che si è salvato gettandosi dalla bicicletta sulla quale era in sella. A compiere l'agguato sono state due persone che si trovavano in sella ad uno scooter, con il volto travisato dal casco integrale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -