Romagna Acque approva il bilancio: 53 milioni di metri cubi di acqua erogata

Romagna Acque approva il bilancio: 53 milioni di metri cubi di acqua erogata

Romagna Acque approva il bilancio: 53 milioni di metri cubi di acqua erogata

FORLI' - Si è svolta giovedì mattina l'assemblea di bilancio di Romagna Acque-Società delle Fonti Spa. L'assemblea dei soci ha approvato il bilancio consuntivo 2008, che presenta un utile di esercizio di 2.246.330 euro (+ 1.111.188 rispetto al 2007); l'utile a dividendo degli azionisti ammonta a 1.017.681, il che stabilisce in 1,40 euro il valore di ogni singola azione. Nel corso del 2008 la società presieduta da Ariana Bocchini ha ha erogato circa 53,1 milioni di metri cubi d'acqua.

 

Si tratta di un bilancio significativo anche perché definisce gli aspetti patrimoniali relativi al subentro ad Hera Spa, in base al quale a partire dall'1 gennaio 2009 è in capo a Romagna Acque-Società delle Fonti Spa la gestione diretta di tutte le fonti di produzione idropotabile della Romagna.

 

Va aggiunto inoltre che, in un anno come il 2008 che non ha presentato particolari criticità dal punto di vista meteoclimatico, la società ha erogato complessivamente circa 53,1 milioni di metri cubi d'acqua, provenienti dall'invaso di Ridracoli.

 

Anche per il corrente esercizio si confermano le prospettive di equilibrio di bilancio, pur in un quadro profondamente modificato: dato che, con la produzione di tutto il fabbisogno idropotabile romagnolo, mutano significativamente il ruolo della Società e le dinamiche di bilancio legate ai ricavi garantiti dalla tariffa.

 

Si è infine sottolineato che anche l'andamento della prima parte del 2009 - caratterizzato da precipitazioni significativamente sopra le medie stagionali - permette di poter dare risposa senza problematiche particolari alla domanda idropotabile della stagione estiva appena iniziata.

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    @Davide1 Allora non ho compreso 'na mazza! Se ci sta Romagna acque che si occupa della distribuzione, bonifica fiumi, gestione degli impianti e manutenzione/condotti di distruibuzione ed acquedotto... HERA cosa fa? oltre a ricaricare il costo alla fonte dell'acqua? Quale di queste opzioni è corretta? 1. Io non ho capito nulla! 2. Ho le idee confuse! 3. Qualcuno sta facendo il furbo per cui sto pagando due volte lo stesso serviziogià fornito da Romagna acque! Ho paura!

  • Avatar anonimo di ##Davide##
    ##Davide##

    Qualcuno ha idea di come sapere quali zone di Forlì sono servite dalla diga? Ricordo che a Bussecchio capita(va) d'estate che non arrivasse più l'acqua della diga ma quella dei pozzi, in quanto l'acqua andava più verso il riminese (come succede anche ora,, basta vedere il grafico della distribuzione in tempo reale...)...

  • Avatar anonimo di Davide1
    Davide1

    Non facciamo confusione. Le controllate perdono soldi (Aereporto) ci lamentiamo, fanno utili ci lamentiamo. Romagna Acque è a totale capitale pubblico e tutti gli utili che produce o gli investe (sopratutto in infrastrutture o risanamenti dei fiumi) o distribuisce dividenti a soci, ossia ai comuni ossia sono minor tasse per i cittadini o maggiori servizi. Caso a parte è Hera, il cui modello di governace va sicuramente rivisto. A me piace molto di più il modello di Romagna Acque. Se gli amministratori sono bravi, fanno utili, e questi tornano ai cittadini e non agli azionisti privati (per lo più banche come Hera). Quello che non funziona è il controllo delle tariffe che deve fare ATO ossia l'organismo di tutela per i cittadini (il presidente di ATO è Bulbi). Piuttosto oggi occorre chiedersi cosa sarebbe la Romagna senza la diga di Ridracoli (53,1 milioni di metri cubi d'acqua) tanto ostacolata nel passato. Un grazie agli amministratori che negli anni 70 hanno voluto questo grande progetto (Satanassi prima e Zanniboni poi).

  • Avatar anonimo di sesepo
    sesepo

    è il trattino società delle fonti che inquieta, ridracoli non è sufficiente non la potenziano con quarto ma investono molto di quanto dichiarato da bulbi per i potabilizzatori e per l'acqua del cer, tariffa reale media +29,4 nel quinquennio avremo, chi berrà quell'acqua del po'?, noi cittadini paghiamo hera, gli investimenti li fa romagna acque chi guadagna veramente? QUANTO CI FANNO PAGARE IL RAMO D'AZIENDA HERA A ROMAGNA ACQUE? DOPOTUTTO NON AVEVAMO GIA' PAGATO CON LE BOLLETTE?. PAGHEREMO CARO E PAGHEREMO TUTTO IL BEL GIOCATTOLO DEI NOSTRI SINDACI

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Grazie per averci informato che i veri azionisti di Romagna Acque, noi cittadini romagnoli, hanno pagato una bella bolletta salata ad HERA se la vendita del bene acqua ha fruttato oltre quattromiliardi delle vecchie lire di utili (dopo che anche Hera ci ha fatto su un pò di margine...). Complimenti agli amministratori di Romagna acque! BRAVISSIMI Quando avremo la soddisfazione di vedere che anche i Comuni cominceranno a fare utili così gli stessi verranno ridistribuiti a noi cittadini e contribuenti? Non è che la Società avrebbe potuto farci pagare un pò meno l'acqua andando in pareggio e facendo risparmiare 2.246.330,00 euro alle famiglie che in questo periodo di crisi non sono nulla ma sono meglio di un calcio nel sedere!?! Balzani, Lucchi e tutti gli altri nuovi sindaci romagnoli, cominciamo a ragionare su queste cose?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -