Romagna Acque: "Sì all'acqua del rubinetto più controllata di quella in bottiglia"

Romagna Acque: "Sì all'acqua del rubinetto più controllata di quella in bottiglia"

Romagna Acque: "Sì all'acqua del rubinetto più controllata di quella in bottiglia"

L'acqua del rubinetto è più controllata di quella in bottiglia: 81mila controlli di laboratorio effettuati anno scorso da Romagna Acque - Società delle Fonti Spa, che aderisce alla Giornata mondiale dell'Acqua, in calendario lunedì 22 marzo. E partecipa all'iniziativa congiunta di Legambiente e Federutility "Acqua del rubinetto? Sì grazie", che fa tappa anche a Forlì, con un gazebo in piazza Saffi, sede di mercato, all'interno del quale verrà distribuito materiale informativo sull'acqua.

 

Romagna Acque-Società Delle Fonti S.p.a. ha fornito ad Hera nel 2009 circa 108 milioni di metri cubi di acqua annui. La fonte primaria di produzione idrica è la diga di Ridracoli, che a seconda delle annate idrologiche è in grado di soddisfare circa il 50% del volume idrico sopra citato. Il restante fabbisogno viene coperto con le fonti locali: per circa il 27% da quelle del riminese (prevalentemente di falda), per il 13% da quelle ravennati (prevalentemente di superficie) e per il 10% da quelle dell'area forlivese-cesenate (prevalentemente di falda).

 

I dati dimostrano quanto l'acqua di rubinetto delle nostre case sia molto più controllata di quelle in bottiglia. Per quest ultime, infatti, le prescrizioni normative prevedono la realizzazione di una sola analisi all'anno (Decreto 29 dicembre 2003 Art. 3) da parte dei soggetti titolari della concessione, che viene inviata al Ministero della Salute insieme a una autocertificazione relativa al mantenimento delle caratteristiche delle acque.

 

Al contrario, l'acqua del rubinetto è soggetta a molti più controlli. Per quanto riguarda la Romagna, in particolare, Romagna Acque-Società delle Fonti Spa (che gestisce tutte le fonti idriche del territorio) ha effettuato lo scorso anno oltre 81.000 controlli di laboratorio, fra chimico-fisici e microbiologici; a cui si aggiungono gli ulteriori controlli effettuati dal gestore del servizio idrico integrato (Hera Spa), prima della consegna dell'acqua ai cittadini.

 

La campagna nazionale - che durerà per l'intero 2010 ed è stata presentata a Roma alcuni giorni fa da Legambiente e Federutility, la federazione delle aziende di servizi pubblici locali che operano nel settore idrico - intende sensibilizzare i cittadini sul fatto che l'acqua del rubinetto è sicura e controllata, oltre che economica e rispettosa dell'ambiente. A garantirne la qualità sono infatti migliaia di controlli che vengono eseguiti ogni anno su campioni di acqua per fare analisi su decine di parametri previsti dalla normativa.

 

 

 

 

 


Commenti (5)

  • Avatar anonimo di stefano
    stefano

    @liberamente, grazie, ma ho trovato solo i dati dei comuni del forlivese e non quelli dei comuni del cesenate, tradizionalmente con qualità dell'acqua peggiore dei primi.

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    Sicurissima puzzolentissima e disgustevolissima!

  • Avatar anonimo di stefano
    stefano

    Se è davvero così controllata e sicura perchè non pubblicano da nessuna parte i risultati delle analisi mensili dell'Arpa?

  • Avatar anonimo di marinag
    marinag

    sarà anche sicura e controllata, ma, appena apro il rubinetto, l'odore di cloro è stomachevole.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -