Ruby, bufera sul premier: "Ho solo aiutato una persona in difficoltà"

Ruby, bufera sul premier: "Ho solo aiutato una persona in difficoltà"

Ruby, bufera sul premier: "Ho solo aiutato una persona in difficoltà"

C'è una nuova furibonda bufera a sconvolgere il paese. E' quella scatenata dalle feste con prostitute e ragazze in vestiti succinti a casa del premier, ad Arcore. In questo ambito molto torbido emerge ancora una volta la figura di una minorenne, la 17enne marocchina Ruby, che avrebbe partecipato ad alcune cene a casa Berlusconi ma pare siano esclusi (secondo quanto riportano Corriere.it e Repubblica.it) rapporti sessuali di qualche natura.

 

I giornali riportano anche l'ipotesi che il premier abbia fatto una telefonata in questura a Milano per far rilasciare la giovane marocchina, che era stata fermata a seguito di reati di piccolo cabotaggio. Circostanza fermamente negata dal presidente del consiglio.

 

Berlusconi ha sostenuto di non aver mai "fatto interventi di un certo tipo: ho semplicemente segnalato che c'era una persona che si proponeva per l'affidamento". Il premier ha anche spiegato che ci sarebbe stata "solo una telefonata per trovare qualcuno che potesse rendersi disponibile all'affidamento per una persona che ci aveva fatto a tutti molta pena perché aveva raccontato a tutti una storia drammatica a cui noi avevamo dato credito. Tutto qui".

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di luciano54
    luciano54

    Il fatto: Una minorenne viene fermata con l'accusa di furto. 1^ domanda: Chi, dalla questura,si è preoccupato di avvisare il Sig. Berlusconii? 2^ domanda: Tutti i nominativi delle minorenni accusate di furto vengono segnalati al Sig. Berlusconi ? Nessuna vergogna, solo l'arroganza dell'impunità, anche morale. Ma fino a quando gli italiani dovranno vergognarsi di questo personaggio?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -