Russi, il ClanDestino diffida la Regione sulla centrale a biomasse: "C'è una nuova legge"

Russi, il ClanDestino diffida la Regione sulla centrale a biomasse: "C'è una nuova legge"

Russi, il ClanDestino diffida la Regione sulla centrale a biomasse: "C'è una nuova legge"

RUSSI - Sul progetto di centrale a biomasse Cinzia Pasi - Roberta Babini, per l'associazione Clan-Destino chiede che prima d procedere alla concessione della valutazione di impatto ambientale si proceda ad applicare il decreto legge del 10 settembre 2010 "Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti iinnovabili", in cui all'Art. 17 si prevede da parte delle Regioni l'individuazione di aree non idonee per le varie tipologie di impianti alimentati da fonti rinnovabili.

 

"L'individuazione della non idoneità dell'area è operata dalle Regioni attraverso un'apposita istruttoria - spiega l'associazione - avente ad oggetto la ricognizione delle disposizioni volte alla tutela dell'ambiente, del paesaggio, del patrimonio storico artistico, delle tradizioni agro-alimentari

locali, della biodiversità e del paesaggio rurale che identificano obiettivi di protezione non compatibili con l'insediamento, in determinate aree, come ad esempio siti di elevate concentrazioni di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili oppure aree particolarmente sensibili e/o vulnerabili alle trasformazioni territoriali o del paesaggio, le aree ed i beni di notevole interesse culturale o la cui immagine e' storicizzata e identifica i luoghi anche in termini di notorietà internazionale di attrattività turistica".

 

"Nell'elenco dei siti non idonei rientrano anche le zone situate in prossimità di parchi archeologici e nelle aree contermini ad emergenze di particolare interesse culturale, storico e/o religioso, le aree naturali protette ai diversi livelli (nazionale, regionale, locale),le aree incluse nella Rete Natura 2000, quindi SIC e ZPS, e le aree agricole interessate da produzioni agricolo-alimentari di Qualità (produzioni biologiche, produzioni D.O.P., I.G.P., .T.G., D.O.C., D.O.C.G., produzioni tradizionali) e/o di particolare pregio rispetto al contesto paesaggistico-culturale".

 

L'Associazione Clan-Destino ha chiesto alla Regione Emilia Romagna una moratoria nella approvazione di progetti in corso di autorizzazione che interessano siti con caratteristiche evidenti rientranti fra quelle indicate nei criteri sopracitati, diffidando il Presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani e la Giunta a non rilasciare qualsivoglia autorizzazione per evitare l'approvazione di progetti in palese contrasto con le linee guida dettate dal presente Decreto e ad individuare con sollecitudine le aree non idonee previste dal Decreto Legge".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -