RUSSI - Richieste di soldi 'a domicilio', il Comune raccomanda prudenza

RUSSI - Richieste di soldi 'a domicilio', il Comune raccomanda prudenza

RUSSI - In questi giorni alcuni cittadini si sono rivolti a sindaco e assessori per riferire di persone che bussano alle case chiedendo soldi con i quali fare un non meglio identificato ricorso al Tar in merito all’impianto per biomasse previsto al posto dell’ex zuccherificio. È bene prestare attenzione a cosa e quanto viene chiesto, e a quali impegni si va incontro.


A quanto pare le informazioni che i cittadini hanno ricevuto da questi individui sono tutto sommato vaghe. Del resto è un fatto anche molto plausibile visto che, tecnicamente parlando, a oggi su detto impianto non esistono ancora atti passibili di alcun ricorso.


A quanto pare vengono pure diffusi volantini che invitano a un incontro pubblico dove, forse, la cosa potrebbe trovare spiegazioni ulteriori. Sabato mattina, 12 gennaio, è arrivato al protocollo un invito rivolto all’Amministrazione comunale con la richiesta di partecipare all’incontro pubblico promosso per mercoledì 16 gennaio.


Preso atto della richiesta, il sindaco Pietro Vanicelli ha categoricamente escluso una sua partecipazione all’incontro promosso da rappresentanti di Clan-destino. “Con i promotori di questa iniziativa non c’è possibilità di dialogo. Lo hanno dimostrato ampiamente e più volte nel loro atteggiamento pubblico in occasioni legate alla discussione sull’argomento biomasse. Non andrò io e nessun amministratore verrà incaricato di rappresentare il Comune”.


“Come abbiamo fatto finora, – spiega il sindaco - ci siamo confrontati e ci confronteremo con rappresentanze sindacali, professionali, ambientaliste e sociali dei cittadini in merito alla questione biomasse. Purché questo avvenga nel rispetto reciproco, delle persone e dei ruoli istituzionali che si convengono in un contesto di democrazia. Dopo ampia discussione il Consiglio comunale ha già espresso un suo orientamento con indicazione delle linee guide per il progetto, alle quali mi sono attenuto nella sottoscrizione dell’accordo con Power Crop. Il Consiglio ha poi avuto modo di giudicare il mio operato e i buoni risultati raggiunti. Saremo noi amministratori – conclude Vanicelli - i primi a verificare il progetto che ci verrà presentato, avvalendoci delle consulenze tecniche di cui disponiamo, comunali e sovra comunali, e facendo in modo che questa occasione si trasformi nella buona opportunità che è per l’intera nostra comunità, come lavoro e come possibilità di sviluppo”.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -